rotate-mobile
Martedì, 16 Aprile 2024
Economia

Forbes: "Facebook in borsa? Un fallimento"

Dopo il non successo di venerdì, il titolo lunedì perde il 12,22%. In due giorni il valore del titolo a Wall Street scende da 38 dollari e 33,61. E trascina sul fondo gli altri titoli internet

Non vola facebook in borsa. Anzi. Il lunedì post sbarco a Wall Street preoccupa e non poco gli investitori. Il titolo del sociali network più famoso al mondo trascina infatti al ribasso i principali listini del settore web. Facebook registra un pesante -12,22%, scendendo a quota 33,61 dollari per azione a fronte di un prezzo di collocamento, venerdì mattina, di 38 dollari. 

Effetto domino, come detto, sugli altri titoli: Zynga cede il 6%, Yelp l'8,5%, LinkedIn il 3,46%, Groupon lo 0,52%. Stessa sorte per Renren, il social network cinese, che perde il 7,1%.

Forbes: "Un fallimento" - A questo si aggiunte Forbes che definisce l'Ipo (l'offerta pubblica iniziale) di facebook "un fallimento". Secondo l'analista Rich Karlgaad i motivi dell'insuccesso sono sette. Il primo, il ritardo con cui è avvenuta la quotazione.

Quindi il fatto che l'amministratore delegato, Mark Zuckerberg, "disdegna gli investitori. Non ha mai voluto che fosse quotata e questo è diventato ovvio nel corso del road show, quando Zuckerberg si è nascosto in bagno costringendo il pubblico ad aspettarlo, o quando è salito sul celebre palco con la felpa". Quindi, il fatto che facebook non ha lasciato niente per gli investitori comuni.

Quarto: è un debutto in un mercato incerto a causa dell'Europa. Oltre a ciò, c'è da aggiungere che "maggio non è un buon periodo per quotarsi. Gli ultimi decenni hanno mostrato che la maggior parte dei guadagni in Borsa è realizzata fra ottobre e maggio". Quindi, motivi più sostanziali: "La monotonia di facebook" e il fatto che "non è un bene necessario" e che "l'industria dei sociali media di massa è un catorcio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Forbes: "Facebook in borsa? Un fallimento"

Today è in caricamento