rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Tragico bilancio

Tifone Rai nelle Filippine: una carneficina, oltre 200 vittime

Secondo le stime del governo di Manila sarebbero circa 780mila le persone colpite

Pesante il bilancio provvisorio delle vittime e dei feriti di un tifone che si è abbattuto sulle Filippine tra giovedì e venerdì, con raffiche di vento fino a 270 chilometri orari. Il tifone Rai, il più forte che ha colpito la nazione nel corso del 2021, si è scatenato sulle regioni mediorientali e centrali dell'arcipelago provocando 208 morti e il ferimento di 239 persone. Lo ha reso noto la polizia nazionale segnalando 52 dispersi. Solo nell'isola centrale di Bohol sono morte 72 persone, 10 nelle isole Dinagat. Si continua a scavare tra le macerie mentre aumentano gli sforzi per portare cibo, acqua e medicinali alle isole colpite. Il segretario alla Difesa, Delfin Lorenzana, ha parlato di "intere comunità rase al suolo". Interrotte le comunicazioni e l'elettricità in molte aree. Secondo le stime del governo di Manila, sarebbero circa 780mila le persone interessate dall'evento, comprese le oltre 300mila costrette a fuggire dalle proprie abitazioni e dai resort sulle spiagge. 

Un pensiero alle popolazioni delle Filippine colpite dal tifone è stato rivolto da papa Francesco all'Angelus: "Che il 'Santo Nino' porti consolazione e speranza alle famiglie più in difficoltà e a tutti noi ispiri aiuti concreti". Alberto Bocanegra, capo della Federazione internazionale delle società della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa nel paese, ha lanciato un appello per raccogliere 20 milioni di franchi svizzeri (circa 19,3 milioni di euro) per finanziare i soccorsi e la ricostruzione. Il presidente filippino Rodrigo Duterte, recatosi sull'area del disastro, ha promesso 2 miliardi di pesos in aiuti, pari a circa 40 milioni di euro.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tifone Rai nelle Filippine: una carneficina, oltre 200 vittime

Today è in caricamento