rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Europa in ordine sparso / Francia

Green Pass: la Francia verso proroga fino a luglio 2022. Da noi fino a quando?

Via libera dell'Assemblea Nazionale francese. In Germania si discute di una certificazione all'italiana

La Francia fa da apristrada verso la proroga della certificazione verde. I deputati dell'Assemblea Nazionale hanno deciso, in linea con quanto auspicato dal governo, di prorogare al 31 luglio 2022 le disposizioni che consentono di ricorrere al Green Pass per contrastare l'epidemia da Covid-19.

L'Assemblea è così tornata su una decisione del Senato, che aveva anticipato tale data al 28 febbraio. Il testo è stato approvato con 147 voti contro 125 e due astensioni. Dopo il voto finale il provvedimento tornerà al Senato, mentre quello definitivo arriverà, sempre da parte dei deputati, venerdì. 

In Francia Green Pass 'attenuato'

In Francia il Green Pass segue regole meno stringenti che in Italia: attualmente è richiesto ai dipendenti di ristoranti, cinema, musei, centri commerciali, palestre e trasporti a lunga percorrenza. Dal 21 luglio 2021 è obbligatorio esibire il “pass sanitaire” per accedere a luoghi di svago e di cultura (ivi inclusi musei, cinema, teatri e sale di spettacolo).

La misura è entrata in vigore il 9 agosto con una scadenza - originaria - al 15 novembre e ha suscitato continue proteste: ogni sabato vengono organizzate manifestazioni a Parigi e in molte città di provincia.

In Germania si parla sempre più di Green Pass all'italiana

Per quanto riguarda gli altri paesi, in Inghilterra (il maggiore degli Stati Uk) e in Spagna non vige alcun obbligo di esibire il pass mentre la Germania ha adottato una certificazione più soft. Il certificato non è, ad esempio, obbligatorio in tutti i luoghi di lavoro. Spetta ai Länder stabilire la necessità di eventuali misure restrittive e vista la recente impennata dei contagi - il ministro della Salute tedesco l'ha definita "un'enorme pandemia dei non vaccinati" - si parla sempre più di Green Pass all'italiana.

In Italia l'obbligo del Green Pass fino a quando?

Da noi la data da tenere d'occhio è il 31 dicembre, quando scadranno sia lo stato di emergenza sanitaria che l'uso esteso della certificazione verde; anche se i due strumenti, secondo quanto emerge da fonti governative, sono considerati "binari paralleli", dunque non legati allo stesso destino.

Lo stato di emergenza, con poteri straordinari al governo in deroga alle disposizioni di legge nel rispetto dei limiti costituzionali, è stato già prorogato più volte e a meno di interventi legislativi è estendibile solo fino al 31 gennaio, salvo l'ipotesi di un nuovo provvedimento legato a un'emergenza "diversa".

 Invece si ragiona sull'estensione temporale dell'obbligo di esibire il Qr code sul posto di lavoro. Le ipotesi principali sul tavolo al momento sono due: un'estensione fino a primavera dello strumento attuale, oppure l'estensione fino all'inizio dell'estate prossima (attorno a maggio 2022) con l'obiettivo poi di modularne una minore applicazione, lasciandolo obbligatorio per un numero sempre minore di categorie professionali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Green Pass: la Francia verso proroga fino a luglio 2022. Da noi fino a quando?

Today è in caricamento