rotate-mobile
Martedì, 7 Febbraio 2023
Mondo Turchia

Turchia, Gabriele Del Grande è ancora nelle mani della polizia: "Sta bene"

Il giornalista e documentarista italiano è stato fermato lunedì scorso nella regione di confine con la Siria. Si era diffusa la notizia che sarebbe stato espulso giovedì, ma così non è stato. Rassicurazioni dalla Farnesina

Gabriele Del Grande da quasi una settimana è "trattenuto" in Turchia: il giornalista e documentarista italiano era stato fermato lunedì scorso nella regione di confine con la Siria perché sprovvisto del permesso necessario per svolgere la propria attività.

Nelle prime ore dopo il fermo si era diffusa la notizia che Del Grande sarebbe stato espulso giovedì, ma così non è stato. 

Del Grande "sta bene". Lo assicura la Farnesina in una nota precisando che è stato fermato "perché si trovava in una zona del Paese in cui non è consentito l'accesso". Il ministero degli Esteri, in stretto raccordo con l'Ambasciata d'Italia ad Ankara e il Consolato a Smirne, fa sapere il un comunicato che continua a seguire il caso con la massima attenzione, al fine di favorire una rapida soluzione della vicenda. La Farnesina sta prestando, inoltre, ogni possibile assistenza alla famiglia del connazionale, con la quale è in costante contatto.

I tempi per l'espulsione dal Paese di Gabriele Del Grande restano incerti e sarebbero legati al completamento delle relative procedure giudiziarie. A causa dello svolgimento del referendum sulla riforma della Costituzione in Turchia, il rimpatrio potrebbe essere ancora una questione di giorni e non di ore. I controlli nei confronti dei reporter, anche stranieri, si sono ulteriormente irrigiditi.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turchia, Gabriele Del Grande è ancora nelle mani della polizia: "Sta bene"

Today è in caricamento