Giovedì, 29 Luglio 2021
Immigrazione / Germania

Immigrazione, Europa nel caos: in Germania è caccia al rifugiato

Un bus di rifugiati è stato bloccato e circondato dalla folla inferocita. Il linciaggio è stato ripreso da un reporter di una tv locale e poi postato su Twitter. Il ministro degli Interni della Sassonia: "Una cosa vergognosa". Intanto in Europa si alzano nuovi muri: in Austria è entrato in vigore il nuovo tetto giornaliero per l'ingresso di rifugiati

Un frame del video

Ieri sera a Clausnitz, piccolo comune tedesco della Sassonia, vicino al confine con la Repubblica Ceca, un pullman carico di rifugiati è stato accolto al suo arrivo da un centinaio di persone animate dalle peggiori intenzioni, che lo hanno circondato minacciando con urla e gesti i passeggeri per oltre un'ora. 

Un video girato da un reporter di una tv locale e poi postato su Twitter mostra bene la carica di odio e disprezzo che viene riversata sui rifugiati: un ragazzino piange disperato mentre scende rapidamente le scalette, una donna risponde alle minacce, una madre e una bambina si abbracciano con lo sguardo terrorizzato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Noi siamo il popolo", gridano alcuni abitanti, lo slogan usato dai cittadini della Ddr contro il regime comunista e adesso rivolto contro i rifugiati. Una portavoce della polizia, che è intervenuta con una ventina di uomini, ha confermato l'incidente, spiegando che l'autobus è stato bloccato anche da tre automobili.

Il ministro degli Interni della Sassonia Markus Ulbig si è detto scioccato per quanto accaduto: "Trovo tutto ciò davvero vergognoso. Invece di tentare almeno di mettersi nei panni di persone che fuggono dalla guerra, alcune persone minacciano con parole pesanti donne, uomini e bambini che cercano protezione. Non posso che condannare simili comportamenti".

LIMITE AI RIFUGIATI IN AUSTRIA - Dalla Germania all'Austria, dove a prendere posizione contro migranti e rifugiati è lo stesso governo. E' entrato in vigore alle otto di stamani, infatti, il nuovo tetto giornaliero fissato dall'Austria per l'ingresso di rifugiati: da oggi il Paese accoglierà non più di 80 richiedenti asilo al giorno, dopodichè "i confini verranno chiusi" ha detto il portavoce della polizia Fritz Grundnig all'Afp. 

LA POSIZIONE DELL'UE - Ieri la Commissione europea ha bollato la misura come "chiaramente incompatibile" con le norme europee e con il diritto internazionale. Vienna inoltre consentirà il transito in Austria a non più di 3.200 persone al giorno che intendono fare richiesta di asilo in un Paese Ue. Grundnig ha detto che nessun migrante da ieri è arrivato alla frontiera austriaca dalla Slovenia a causa del maltempo. Tra le misure anti-immigrati annunciate da Vienna nei giorni scorsi anche il rafforzamento dei controlli al confine sud dell'Austria, compreso il Brennero.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Immigrazione, Europa nel caos: in Germania è caccia al rifugiato

Today è in caricamento