Venerdì, 16 Aprile 2021
Francia

Macron schiera l'esercito contro i gilet gialli

Dopo le violenze di sabato scorso, il governo francese ha confermato il ricorso a un nuovo dispositivo di sicurezza. I militari potranno "aprire il fuoco qualora la loro vita o quella delle persone che stanno proteggendo sia minacciata"

Esercito schierato per il "19esimo atto dei gilet gialli". Dopo le violenze di sabato scorso, il governo ha confermato il ricorso a un nuovo dispositivo di sicurezza che prevede di massimizzare il numero di poliziotti e gendarmi disponibili lasciando all'esercito un ruolo sostanzialmente di deterrente: una soluzione che però, se la situazione dovesse sfuggire di mano, rischia potenzialmente di provocare problemi ben più gravi di quanti ne risolva.

gilet gialli parigi-3

La decisione è stata presa mercoledì scorso ha suscitato roventi polemiche in Francia su quale debba essere il ruolo esatto dei militari. Lo stato maggiore dell'esercito non era stato preavvertito della decisione dell'esecutivo.

Come ricorda il settimanale l'Express lo stesso governo e le forze armate sono divisi su concetti quali "sorveglianza di punti fissi" ma senza "mantenimento dell'ordine" pubblico, affidato alla polizia - come inizialmente spiegato dall'esecutivo - oppure ricorso al fuoco in caso di grave minaccia.

Gli stessi sindacati della polizia hanno paventato il rischio di che cosa succederebbe se i manifestanti dovessero attaccare i soldati. Il ministro della Difesa Florence Parly ha sottolineato come ai soldati sarà richiesto solamente di sostituire poliziotti e gendarmi "in compiti ben delimitati", lasciando ai primi i compiti di ordine pubblico.

Il generale Bruno Leray ha spiegato che i militari potranno "aprire il fuoco qualora la loro vita o quella delle persone che stanno proteggendo sia minacciata".

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Macron schiera l'esercito contro i gilet gialli

Today è in caricamento