Mercoledì, 12 Maggio 2021
Le violenze e l'esodo da Yangon / Myanmar

Giornalista della Bbc rapito dalle squadracce della giunta militare birmana

La vicenda, denunciata dalla stessa emittente britannica, arriva mentre la violenta repressione dopo il golpe militare ha fatto scattare un esodo da Yangon, la più grande città del Paese

Un giornalista birmano del servizio locale della Bbc, Aung Thura, è stato arrestato da alcuni agenti di sicurezza mentre stava realizzando un corrispondenza insieme a un altro giornalista, Than Htike Aung, del quotidiano locale Mizzima messo al bando dal governo militare che ha compiuto il golpe in Myanmar.

Il Myanmar è percorso da massicce manifestazioni di piazza contro il golpe militare del 1 febbraio scorso, che ha portato la leader democratica Aung San Suu Kyi agli arresti domiciliari. I generali hanno usato il pugno di ferro con centinaia di arresti e uccisioni. La giunta ha preso di mira anche i giornalisti revocando la licenza a cinque network indipendenti locali, perquisendo le redazioni e arrestando giornalisti.

La situazione in Birmania

In meno di due mesi, oltre 30 cronisti sono stati arrestati in Myanmar, secondo la Assistance Association for Political Prisoners. Tra i detenuti, vi è Thein Zaw, un fotoreporter dell'Associated Press, accusato di "generare paura, diffondendo notizie false". Nonostante le forze di sicurezza siano arrivati a sparare sulla folla per mettere a tacere la proteste, i birmani continuano a scendere in piazza in tutto il Paese per chiedere il ritorno della democrazia.

Diversi abitanti di Yangon, l'ex capitale e epicentro del malcontento, stanno lasciando la città diretti verso le aree rurali.

Continua a leggere su Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giornalista della Bbc rapito dalle squadracce della giunta militare birmana

Today è in caricamento