Sabato, 5 Dicembre 2020

Il giornalista che si masturba in diretta su Zoom

Jeffrey Toobin del New Yorker è stato sorpreso dai colleghi mentre si toccava durante una videochiamata. È stato sospeso dal periodico e dovrà affrontare un'inchiesta interna

Il New Yorker ha sospeso il giornalista Jeffrey Toobin dopo che è stato beccato a masturbarsi in una video chat Zoom con altri colleghi del giornale e della radio WNYC la scorsa settimana. Toobin ha sostenuto di non essersi accorto della diretta. "Ho commesso un errore imbarazzante e stupido, credendo che la telecamera non fosse attivata. Chiedo scusa a mia moglie, alla mia famiglia, agli amici e ai colleghi", ha detto lui a Vice

Il giornalista che si masturba in diretta su Zoom

Jeffrey Toobin ha sostenuto che non credeva di essere visibile su Zoom e che pensava di aver disattivato anche l'audio. Ma due persone che erano presenti durante la diretta hanno detto che la chiamata era un test per dibattiti elettorali con i più importanti giornalisti della testata. Entrambi hanno detto di aver visto Toobin masturbarsi e toccarsi il pene prima di lasciare la telefonata e tornare dopo qualche minuto senza accorgersi che gli altri avevano visto tutto. 

Toobin è stato quindi sospeso dal New Yorker, la sua email è stata disabilitata mentre lui è sparito da Twitter dal 13 ottobre, anche se ha fatto un'apparizione televisiva alla CNN sabato. Intanto l'editore del New Yorker, scrive ancora Vice, ha scritto un'email a tutti i membri dello staff in cui ha raccontato della sospensione e ha dichiarato che è in corso un'indagine sulla questione. Intanto lui è ufficialmente in ferie e non ha risposto alle richieste di commento dei giornali che stanno parlando della questione. 

Il parto della gatta di Totti in diretta social

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il giornalista che si masturba in diretta su Zoom

Today è in caricamento