Sabato, 6 Marzo 2021
Il golpe in Myanmar

L'influencer che fa aerobica in streaming e non si accorge del colpo di Stato alle sue spalle

Anche il 31 gennaio Khing Hnin Wai ha iniziato a saltellare davanti all'obiettivo mentre il convoglio dell'esercito passava dietro di lei per dare il via al golpe che ha bloccato il parlamento del Myanmar

Khing Hnin Wai è un'insegnante di aerobica. Abbastanza famosa sui social grazie ai suoi video pubblicati su Facebook, con una inquadratura fissa sulla camera posizionata nel viale principale di Naypyitaw, capitale di Myanmar.

Anche il 31 gennaio Khing Hnin Wai ha iniziato a saltellare davanti all'obiettivo, con il suo completo giallo e nero e la mascherina, mentre i suoi follower la seguivano sui social. E mentre il convoglio dell'esercito passava dietro di lei per andare il via al colpo di Stato.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'esercito ha preso il potere dopo aver arrestato la leader di fatto Aung San Suu Kyi, il presidente Win Myint e i vertici della Lega nazionale per la democrazia, che aveva vinto le elezioni di novembre. L'annuncio è stato dato dalla televisione militare Myawaddy, che ha spiegato come l'esercito abbia preso il controllo del Paese e che tutti i poteri sono stati trasferiti al capo delle forze armate Min Aung Hlaing, che sarà alla guida del Paese per un anno. La presidenza ad interim sarà invece ricoperta dal generale in congedo e vice presidente Myint Swe.

Il colpo di stato in Myanmar 

I militari hanno spiegato di aver agito per riparare ai ''brogli elettorali''. Interrotte, invece, le trasmissioni della tv di Stato, mentre sono chiuse le banche. Nel Paese è stato proclamato lo stato di emergenza di un anno. Le strade della capitale Nay Pyi Taw, dove da ieri sono interrotti i collegamenti telefonici, sono piene di militari.

Myint Swe, il vice presidente di Myanmar che i militari hanno scelto come presidente ad interim, ha difeso il golpe affermando che l'acquisizione del potere da parte dell'esercito è un'iniziativa costituzionale. Nel corso di un incontro del Consiglio di difesa e per la sicurezza nazionale, convocato qualche ora dopo il golpe, Swe ha condannato i brogli nelle elezioni dell'8 novembre, definendoli "un tentativo di usurpare la sovranità dello stato con mezzi illegali". Swe ha quindi citato "proteste di massa contro i brogli elettorali in molte regioni del Paese''.

San Suu Kyi ha rivolto un appello a ''non arrendersi'' al golpe militare. ''Chiedo al popolo di non accettare quanto accaduto, di rispondere e di protestare con tutto il cuore contro il colpo di Stato militare'', ha detto in una nota diffusa dal suo partito. Nel messaggio della leader della Lega nazionale per la democrazia birmana condiviso su Facebook si ribadisce di aver vinto le elezioni di novembre. Viene inoltre fatto notare che il colpo di stato intrapreso dall'esercito di Myanmar potrebbe danneggiare la lotta che il governo sta conducendo contro la pandemia da coronavirus. Sono oltre 140mila i contagi confermati nel Paese, dove più di tremila persone hanno perso la vita per complicanze.

Gli Stati Uniti hanno condannato il colpo di Stato militare a Myanmar, affermando che Washington "si oppone a qualsiasi tentativo di modificare l'esito delle ultime elezioni o di impedire la transizione democratica a Myanmar". Il Segretario di Stato Antony Blinken ha chiesto che vengano rilasciati tutti i funzionari di governo e i leader della società civile, affermando che gli Stati Uniti ''sono al fianco del popolo della Birmania nelle loro aspirazioni per la democrazia, la libertà, la pace e lo sviluppo. L'esercito deve immediatamente rivedere queste azioni''.

Anche Gb e Ue hanno condannato il colpo di Stato militare. "Condanno con forza il golpe a Myanmar e chiedo all'esercito di rilasciare tutti coloro che sono stati illegalmente arrestati nei raid nel Paese'', si legge sull'account Twitter del presidente del Consiglio europeo Charles Michel che aggiunge: ''L'esito delle elezioni va rispettato e il processo democratico deve essere ripristinato''.

Il primo ministro britannico, Boris Johnson ha definito "illegale" l'arresto di civili, tra cui Aung San Suu Kyi. "Il voto del popolo deve essere rispettato ed i leader civili devono essere rilasciati", ha dichiarato Johnson in un tweet.

''L'Italia condanna fermamente l'ondata di arresti in Myanmar e chiede l'immediato rilascio di Aung San Suu Kyi e di tutti i leader politici arrestati''. E' quanto si legge in una nota della Farnesina. ''La volontà della popolazione è chiaramente emersa nelle ultime elezioni e va rispettata. Siamo preoccupati per questa brusca interruzione del processo di transizione democratica e chiediamo che vanga garantito il rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali'', prosegue la nota.

Allegati

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'influencer che fa aerobica in streaming e non si accorge del colpo di Stato alle sue spalle

Today è in caricamento