Giovedì, 24 Giugno 2021
Immigrazione

Grecia, centri di accoglienza al collasso: migranti costretti a vivere tra i rifiuti

La denuncia di Msf: mancano posti letto, servizi igienici e acqua potabile. Solo a Lesbo sono arrivate 15mila profughi nel mese di giugno: "La Grecia non può gestire questo tipo di numeri"

Foto Georgios Makkas, Medici Senza Frontiere

Migliaia di disperati ammassati in tende di fortuna e costretti a vivere in condizioni igieniche disastrose. Le strutture di accoglienza greche sono al collasso, denuncia Medici Senza Frontiere.

L’organizzazione ha diffuso numerose immagini che documentano la situazione nelle isole di Kos e Lesbo. Sono cinquemila i migranti arrivati a Lesbo negli ultimi giorni: molti di loro per dormire si arrangiano come possono; manca l’accesso all'acqua potabile, mancano i servizi igienici e l’assistenza medica. 

Le immagini che arrivano dal centro di accoglienza di Moria, nei pressi di Mitilene, sono eloquenti: il pavimento dei bagni è sommerso da bottiglie e rifiuti, e così pure gli spazi dove sono accampati i profughi.

Va anche peggio nel centro di Kara Tep, dove gli oltre duemila migranti arrivati in pochi giorni hanno invaso ogni spazio disponibile, comprese le rotatorie stradali.

Qui manca perfino l’acqua potabile e i profughi sono costretti a bollirla sul fuoco utilizzando lattine di Coca-Cola.

"Molti migranti dormono su pezzi di cartone, altri utilizzano le reti destinate a raccogliere le olive per crearsi una sorta di rifugio", ha detto Elisabetta Faga, Coordinatore di MSF a Lesbo, al MailOnline.

L’organizzazione spiega che "il Comune fa quel che può", ma non riesce a garantire la manutenzione di queste strutture, specie in un periodo in cui Atene ha ben altro a cui pensare.

"Nel mese di giugno solo a Lesbo sono arrivate qualcosa come 15 mila persone. E’ molto difficile per un Paese come la Grecia gestire questo tipo di numeri".  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grecia, centri di accoglienza al collasso: migranti costretti a vivere tra i rifiuti

Today è in caricamento