rotate-mobile
Sabato, 4 Febbraio 2023
Immigrazione / Stati Uniti d'America

Cos'è la green card e quali sono i requisiti per ottenerla

Dopo l’attentato a New York il tema è tornato di stretta attualità negli Stati Uniti. Trump si è schierato contro la "lotteria dei visti" e ha auspicato un sistema "basato sul merito"

Ottenere una green card, ovvero l’autorizzazione a vivere negli Usa per un periodo di tempo illimitato, non è cosa semplice. La Permanent Resident Card (così viene chiamata formalmente) viene rilasciata al termine di un lungo iter burocratico dallo U.S. Citizenship and Immigration Services, uno dei dipartimenti del ministero per la sicurezza nazionale.

È possibile ovviamente visitare gli States da turisti, ma in questo caso scaduti i termini previsti dal visto di ingresso si dovrà lasciare il Paese, pena l’espulsione coatta.

Sono tre le strade possibili per ottenere un visto permanente: 1) Ricongiungimento familiare 2) Per motivi di lavoro 3) Diversity Visa Lottery.

Nel primo caso, cittadino americano può fare da sponsor a un suo parente diretto (un coniuge, un figlio o un familiare); un cittadino non americano in possesso di Green Card ma non cittadino americano può invece richiedere la green card per un coniuge o un figlio (non sposato).

Se la green card viene chiesta per motivi di impiego, sarà il datore di lavoro a dover "sponsorizzare" la candidatura del richiedente. Anche in questo caso i requisiti sono però piuttosto severi e si tratta di un procedimento abbastanza lungo: sono necessari infatti circa due anni.

Ed eccoci al terzo caso, la così detta "lotteria dei visti" criticata dal Presidente Trump all’indomani dell’attentato sulla pista ciclabile a Lower Manhattan che ha fatto otto morti e diversi feriti. L’autore dell’attacco, Sayfullo Habibullaevic Saipov, di origini uzbeke, ma residente a Tampa, in Florida, aveva infatti ottenuto un visto permanente proprio tramite il programma 'Diversity Immigrant Visa'. Si tratta di un programma entrato in vigore negli anni ’90 con l'obiettivo di diversificare la popolazione degli immigrati in Usa.

I visti vengono infatti concessi con una lotteria tra i richiedenti provenienti da Paesi che presentano basse percentuali di migrazione verso gli Stati Uniti. I visti sono distribuiti in sei aree geografiche e nessun Paese può riceverne oltre il 7 per cento tra quelli disponibili ogni anno. Per l'anno fiscale 2019, saranno disponibili 50mila visti (la registrazione deve infatti avvenire già due anni prima). L’assegnazione avviene attraverso una estrazione casuale generata dai computer.

Proprio il 'Diversity Immigrant Visa' è finito nel mirino  del presidente Trump che ha fatto capire di voler ripensare radicalmente il sistema: "Stiamo lottando duramente per un'immigrazione basata sul merito, basta lotterie democratiche. Dobbiamo diventare molto più severi (e furbi)", ha scritto il presidente in un tweet. Trump ha poi aggiunto che "servono un giustizia più severa e più forte" per i sospettati per terrorismo, perché quella attuale "è uno scherzo" e non "mi stupisco che questa roba accada".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cos'è la green card e quali sono i requisiti per ottenerla

Today è in caricamento