rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
Di nuovo orrore / Ucraina

Nuova pioggia di missili russi sull'Ucraina: colpito un ospedale a Dnipro, ci sono vittime

Almeno una persona è stata uccisa e 15 sono rimaste ferite in uno dei bombardamenti più sanguinosi degli ultimi mesi di guerra. Le conseguenze sarebbero state ben peggiori senza l'ombrello anti aereo fornito dalla Nato: "Abbattuti dieci missili e 25 droni"

Le forze armate russe avrebbero condotto un attacco missilistico contro un ospedale nella città di Dnipro provocando vittime. Lo ha reso noto il governatore regionale Serhii Lysak.

Il Kyiv Post ha poi diffuso su Twitter un video dall'interno dell'ospedale che mostrano le conseguenze dell'attacco in termini di danni e dove si vedono persone ferite.

Almeno una persona è stata uccisa e 15 sono rimaste ferite spiega il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

Secondo quanto si apprende ci sono anche due bambini di tre e sei anni tra i feriti nell'attacco missilistico russo contro l'ospedale di Dnipro. Quattro persone risultano inoltre disperse.

Si tratta di uno dei bombardamenti più sanguinosi degli ultimi mesi della guerra iniziata il 24 febbraio 2022 con l'invasione russa dell'Ucraina. E le conseguenze potrebbero essere state molto più gravi senza le armi di difesa aerea fornite dai paesi Nato a Kiev: come spiega  l'aeronautica militare Ucraina solo nell'ultima notte sarebbero stati abbattuti dieci missili e 25 droni lanciati dall'esercito russo contro la capitale Kiev, la città di Dnipro e le regioni orientali dell'Ucraina. In particolare dieci missili sono stati lanciati dal Mar Caspio mentre 23 dei droni abbattuti erano i Shahed di fabbricazione iraniana, altri due erano da ricognizione. In totale, hanno riferito le forze armate ucraine, nella notte i russi hanno lanciato 17 missili e 31 droni nell'attacco iniziato alle 22 di ieri sera ora locale e continuano fino alle 5 di questa mattina.

Guerra in Ucraina e le atomiche russe a Minsk

La presa di Bakhmut da parte dei miliziani russi del gruppo Wagner è l'unico vero progresso militare russo sul territorio ucraino mentre cresce l'attesa per la controffensiva ucraina: soldati di Kiev addestrati nei paesi Nato stanno rientrando in patria per rimpinguare i battaglioni meccanizzati che potrebbero sfondare le linee difensive russe lungo tutto l'asse meridionale del fronte, da Kherson fino al Donbass.

fronte guerra ucraina

A tenere banco sono gli sparuti sforzi della diplomazia per trovare un compromesso di cessate il fuoco. Ma sia da parte Ucraina che da parte Russa si registrano passi a lato. Nuova tensione arriva anche dagli attacchi di miliziani russi schierati con Kiev contro la regione frontaliera di Belgorod. Non una vera e propria invasione, quanto una scaramuccia di confine che alimenta le tensioni con Mosca.

Come le incursioni in territorio russo possono cambiare la guerra in Ucraina 

Nel frattempo Putin preme per coinvolgere nella guerra anche la Bielorussia. È di ieri l'annuncio da parte del presidente Lukashenko del presunto posizionamento di armi atomiche da parte della Russia a Minsk.

"È un altro tentativo di minaccia nucleare" ha detto il portavoce del governo tedesco, a Berlino. Per il portavoce "questo trasferimento è un passo sbagliato".

Articolo in aggiornamento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova pioggia di missili russi sull'Ucraina: colpito un ospedale a Dnipro, ci sono vittime

Today è in caricamento