rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Il conflitto / Ucraina

Guerra in Ucraina: cosa è successo oggi

Continuano i combattimenti nel Paese. Europa e Usa valutano nuove sanzioni

Nel terzo giorno di guerra in Ucraina i combattimenti sono continuati in tutto il Paese, ma secondo gli Stati Uniti nessuna città è stata ancora conquistata dalle forze russe. L'ultimo bilancio delle vittime parla di almeno 198 persone uccise. La capitale Kiev per il momento è rimasta in mano ucraina: il sindaco ha esteso il coprifuoco, mentre la stazione centrale è stata oscurata a causa dei pesanti bombardamenti nei pressi della struttura. Le altre notizie di giornata:

  • La Germania ha annunciato l'invio di armi all'Ucraina attraverso l'Estonia. Anche il Belgio spedirà armi a Kiev. 
  • Berlino ha anche aperto alla possibilità di sospendere le banche russe dal sistema di pagamento Swift. Aperture sono arrivate da altri Paesi Ue, come Francia, Italia e Grecia. 
  • La Polonia ha detto che 115.000 rifugiati sono passati dall'Ucraina dall'inizio dell'invasione.
  • Persone in tutto il mondo, sono scese in piazza per condannare l'invasione russa. Anche in Russia si sono registrate manifestazioni per la pace, conclude con oltre 3mila arresti.
  • L' Ucraina sta aumentando la pressione sulla Turchia affinché chiuda lo stretto del Bosforo e dei Dardanelli alle navi da guerra russe, il che bloccherebbe alcune navi che avanzano verso l'Ucraina. La Turchia deve ancora decidere.
  • Paesi tra cui Lituania , Estonia e Romania hanno bloccato lo spazio aereo per gli aerei russi , con la Russia che ha risposto vietando gli aerei di linea rumeni dallo spazio aereo russo. La compagnia olandese Klm ha sospeso per 7 giorni i voli verso la Russia.
  • Le truppe russe hanno distrutto una diga di cemento in Ucraina che impedisce all'acqua di fluire in Crimea , riferisce Reuters.
  • Il primo ministro indiano Narendra Modi ha detto che avrebbe aiutato gli sforzi di pace.
  • Il ministero della Difesa britannico ha affermato che l'avanzata russa in Ucraina è temporaneamente rallentata, probabilmente a causa di problemi logistici e di una forte resistenza.
  • Il Papa Francesco ha chiamato il presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy ed ha espresso il suo “dolore più profondo” per la sofferenza del Paese.
  • Twitter è soggetto a restrizioni per alcuni utenti in Russia, ha detto la società di social media.
  • Il sito web ufficiale del Cremlino, kremlin.ru, è stato disattivato sabato, a seguito di segnalazioni di attacchi denial of service (DDoS) su vari altri siti web del governo russo e dei media statali.
  • Il colosso energetico russo Gazprom ha dichiarato che stava fornendo gas attraverso l'Ucraina in linea con la domanda dei consumatori europei nonostante il conflitto militare.
     
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Guerra in Ucraina: cosa è successo oggi

Today è in caricamento