rotate-mobile
Lunedì, 6 Febbraio 2023
Reazione all'orrore? / Canada

Due chiese dei nativi a fuoco dopo lo scandalo dei 215 bambini trovati morti

Le chiese cattoliche del Sacro Cuore e di San Gregorio, situate nel South Okanagan in British Columbia in Canada sono state date alle fiamme. Potrebbe essere una reazione dopo la scoperta della fossa comune con i piccoli

Non c’è pace per il Canada. Le chiese cattoliche del Sacro Cuore e di San Gregorio, situate nel South Okanagan in British Columbia, sono state distrutte dalle fiamme nella giornata di ieri. Entrambe si trovano in una riserva di nativi nella British Columbia e gli episodi sono accaduti nel giorno in cui il Canada celebrava la giornata nazionale dei popoli indigeni. La Sacro Cuore è una delle più antiche chiese della zona, costruita circa 110 anni fa. I vigili del fuoco hanno aperto un'indagine per determinare la causa dell'incendio che ha richiesto lo spegnimento di 25 vigili del fuoco e due autopompe. L’allarme è scoppiato intorno all’1.30 del mattino, trenta minuti dopo la chiesa era già ‘scomparsa’ divorata dalle fiamme.

La Chiesa di San Gregorio è stata incendiata intorno alle 3.30 del mattino, a poche ore di distanza. Anche questa antica, risalente al 1910, e ricca di storia. Pure in questo caso quando i vigili del fuoco sono arrivati prontamente sul posto la chiesa era già quasi tutta avvolta dalle fiamme. È stato necessario l’impiego di oltre 15 vigili del fuoco per spegnere l’incendio. A metà mattinata delle due chiese rimanevano solo cumuli di macerie annerite e ancora fumanti. Sui due episodi, sia perché hanno riguardato luoghi di culto cattolici, sia perché le fiamme sono divampate a poca distanza temporale, ci sono molti sospetti. Tanto da aver spinto la polizia ad aprire un’indagine.

I 215 bambini trovati in una fossa comune 

Le chiese distrutte dagli incendi si trovano a circa 100 chilometri da Kamloops. Proprio lì a fine maggio sono stati ritrovati i resti di 215 bambini in una fossa comune nei pressi di una ex scuola residenziale.  Le 'Indian residential schools' sono una rete di scuole amministrate dalle Chiese cattoliche. Lì venivano portati i figli dei nativi americani dopo essere stati allontanati dai genitori in virtù di leggi razziali del governo canadese. Nella maggioranza dei casi i piccoli non facevano mai più ritorno nelle loro case. Lo scopo di questo tipo di scuole era quello di imprimere ai bambini la cultura occidentale.

Spesso però nascondevano veri e propri orrori e violenze. Il ritrovamento della fossa comune ha sconvolto il Paese, ma ha anche confermato i sospetti di una minoranza etnica residente nella Columbia Britannica su quello che avveniva in questi istituti. Sospetti, critiche e accuse che avevano già spinto nel 2008 l'allora primo ministro Stephen Harper a fornire scuse pubbliche. A poca distanza temporale dal ritrovamento della fossa comune arriva la notizia degli incendi delle chiese cattoliche che si trovano nella zona. Da qui la decisione della polizia locale di avviare un’indagine approfondita per scoprire un eventuale legame tra gli episodi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due chiese dei nativi a fuoco dopo lo scandalo dei 215 bambini trovati morti

Today è in caricamento