Giovedì, 5 Agosto 2021
Iraq / Iraq

Esplode bombola d'ossigeno in un reparto Covid, l'ospedale va in fiamme: più di 50 morti a Nassiriya

Sedici le persone salvate, le ricerche sono ancora in corso

Screenshot da un video di @no_itsmyturn/Twitter

Un incendio è divampato nelle scorse ore in un reparto per pazienti Covid dell'ospedale Al-Hussein di Nassiriya, in Iraq. Stando agli ultimi aggiornamenti comunicati dalla tv satellitare al-Jazeera, i morti sarebbero più di 50, ma il bilancio potrebbe aumentare perché le operazioni di ricerca non si sono ancora concluse. Sono sedici invece le persone salvate dall'edificio in fiamme, i feriti sarebbero diverse decine. Il reparto aveva 70 posti letto. 

"I decessi sono stati causati dalle ustioni, le ricerche continuano", ha detto Haydar al-Zamili, portavoce delle autorità sanitarie locali, osservando che molte vittime potrebbero ancora essere all'interno della struttura. 

Secondo una prima ipotesi riferita dalla polizia, il rogo sarebbe stato causato da un'esplosione di una bombola di ossigeno all'interno del reparto Covid-19. "Molti pazienti sono rimasti intrappolati all'interno del reparto, le squadre di soccorso stanno lottando per raggiungerli", ha detto un operatore sanitario a Reuters prima di entrare nell'edificio in fiamme. Molti di loro purtroppo non ce l'hanno fatta. 

Incendio in un ospedale in Iraq, il video

Ieri c'era stato anche un incendio, presto domato, negli uffici del ministero della Salute a Baghdad. Ad aprile, sempre nella capitale irachena, un incendio in un ospedale per pazienti Covid aveva fatto 82 morti e 110 feriti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esplode bombola d'ossigeno in un reparto Covid, l'ospedale va in fiamme: più di 50 morti a Nassiriya

Today è in caricamento