rotate-mobile
Domenica, 25 Febbraio 2024
INDIA / India

India, condannati a morte gli assassini stupratori di una studentessa

La studentessa era stata aggredita e violentata il 16 dicembre scorso su un autobus mentre rientrava a casa dal cinema con un amico, anche lui picchiato brutalmente. È morta a seguito delle violenze

Il tribunale di Nuova Delhi ha condannato a morte i quattro uomini colpevoli dello stupro e dell'omicidio di una studentessa indiana.

La corte ha accolto la richiesta del procuratore che aveva chiesto la pena capitale per i quattro uomini. Il giudice Yogesh Khanna ha detto che "il caso eccezionale rientra nell'ancor più eccezionale categoria" che giustifica la pena capitale. Uno degli uomini, Vinay Sharma, è scoppiato in lacrime alla lettura della sentenza, mentre il padre della vittima si è detto "soddisfatto".

"LA PENA DI MORTE NON SERVE A FERMARE GLI STUPRI"

Gli imputati - Akshay Thakur, Pawan Gupta, Vinay Sharma, Mukesh Singh - sono tutti di età compresa fra i 19 e i 29 anni.

ORRORE SENZA FINE: VIOLENTATA BAMBINA DI 2 ANNI

La studentessa era stata aggredita e violentata il 16 dicembre scorso su un autobus mentre rientrava a casa dal cinema con un amico, anche lui picchiato brutalmente. È morta a seguito delle violenze riportate il 29 dicembre in un ospedale di Singapore.

Un quinto imputato, l'autista del bus Ram Singh, si è impiccato nella sua cella a marzo in attesa del processo. Il mese scorso un tribunale minorile aveva condannato a tre anni in una casa di recupero, la massima pena possibile, il sesto uomo che ha partecipato allo stupro, ma minorenne al tempo dei fatti.

STUPRATA A 17 ANNI, LE TAGLIANO LA LINGUA PER NON FARLA TESTIMONIARE

Il codice penale indiano prevede la pena capitale in rarissimi casi e le esecuzioni sono eccezionali. Nel 2004 un uomo era stato impiccato per lo stupro e l'omicidio di un'adolescente di 14 anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

India, condannati a morte gli assassini stupratori di una studentessa

Today è in caricamento