rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Giganti asiatici

L'India dà un colpo a Pechino e testa il suo primo missile balistico

Lanciato Agni5, che può raggiungere tutta l'Asia. Sale ancora la tensione con la Cina

L'India ha effettuato con successo il primo test del suo missile balistico intercontinentale Agni 5, in grado di trasportare testate atomiche e raggiungere tutti i Paesi asiatici, compresa l'intera Cina, oltre ad alcune zone di Europa e Africa. Il missile - lanciato mercoledì sera - è atterrato nel Golfo del Bengala con "un altissimo grado di precisione", ha fatto sapere il ministero della Difesa di Nuova Delhi.

Il test è avvenuto dall'isola APJ Abdul Kalam, al largo delle coste dell'Odisha, ed è in linea con la strategia della 'deterrenza credibile minima', che si basa sull'impegno al 'No First Use' degli armamenti nucleari.

Spinto da tre motori a razzo, Agni 5 può portare un carico fino a 1,5 tonnellate - particolare che lo rende assai potente - ed è in grado di colpire target a 5mila chilometri di distanza. In più è canisterizzato, può - cioè - essere lanciato da piattaforme stradali e ferroviarie, rendendo più facile il suo dispiegamento e più rapido il lancio (la canisterizzazione è un sistema incapsulato in cui viene immagazzinato e lanciato il missile).

L'india - che lavora su armi a medio e lungo raggio dal 1990 - diventa così l'ottavo Paese al mondo a disporre di uno strumento balistico intercontinentale, dopo Regno Unito, USA, Russia, Cina, Francia, Israele e Corea del Nord.

Le tensioni con la Cina e la guerra dei missili

Il lancio è destinato a rinfocolare gli attriti con la Cina, che aveva già tentato di fermare il test a settembre. Le tensioni tra i due giganti asiatici (nel 1962 hanno combattuto una guerra) durano ormai da 17 mesi a causa della contesa sul Ladakh, regione montuosa teatro di sanguinosi scontri tra i rispettivi soldati. I colloqui tra i comandanti militari per smoblitare le truppe al confine si sono recentemente conclusi con uno stallo mentre Nuova Delhi guarda con sempre più diffidenza gli sforzi di Pechino per allargare la sua influenza sull'Oceno Indiano. 

Il lancio del missile indiano arriva due mesi dopo il test cinese di un missile ipersonico, avvenuto in gran segreto ad agosto e di cui si è avuta notizia soltanto a ottobre. Un test che ha spiazzato l'intelligence americana, confermando la corsa al nucleare del Dragone, decisa a diventare potenza militare di primo livello entro il 2050.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'India dà un colpo a Pechino e testa il suo primo missile balistico

Today è in caricamento