rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
proteste e repressione / Iran

Iran, guardie rivoluzionarie arrestano membri di media occidentali

La loro colpa è l'aver ripreso con foto e video di "diverse situazioni". L'Iran è il terzo paese al mondo per numero di giornalisti in carcere

Le Guardie Rivoluzionarie iraniane hanno arrestato alcuni membri di media occidentali che avevano ripreso video e immagini di "diverse situazioni" in Iran e li avevano inviati alle loro redazioni: lo hanno reso noto oggi le Guardie Rivoluzionarie in un comunicato. Le persone arrestate, che si trovano a Pardis, una città a est di Teheran, avevano il sostegno finanziario e di intelligence dei media occidentali, si legge nella nota, citata dall'Irna. Durante le proteste in corso da tre mesi nel Paese, sono state inviate immagini e video ai social media e alle tv dissidenti in lingua persiana all'estero.

L'Iran è tra i "peggiori carcerieri di giornalisti"

Sono 533 i giornalisti incarcerati nelle varie prigioni del mondo, mai così tanti. Lo denuncia il rapporto annuale di Reporters sans frontières (Rsf), che registra un aumento del 13,4 per cento degli arresti in un anno e segnala che 57 reporter soni stati uccisi nel 2022, con un aumento del 18 per cento rispetto al 2021. In aumento del 20 per cento il numero delle giornaliste arrestate nel 2022, 78 quelle ora detenute (mai così tante sottolinea Rsf) pari al 14,6 per cento del totale contro il 7 per cento di cinque anni fa.

Un ragazzo di 23 anni è stato impiccato in Iran

L'ong assegna la maglia nera alla Cina, dove ci sono 110 giornalisti imprigionati, seguita da Myanmar con 62 reporter in carcere, l'Iran con 47, il Vietnam con 39 e la Bielorussia con 31. Più della metà del totale dei giornalisti detenuti si trova in questi cinque paesi, sottolinea l'ong. Particolare attenzione viene riservata all'Iran, che come sottolinea Rsf è "diventato uno dei peggiori carcerieri di giornalisti" a causa della repressione del governo nei confronti di manifestanti e dei media. Per quanto riguarda la Cina, in testa alla classifica, il numero dei detenuti è invece leggermente in calo rispetto all'anno scorso. 

Continua a leggere su Today

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Iran, guardie rivoluzionarie arrestano membri di media occidentali

Today è in caricamento