Lunedì, 21 Giugno 2021
Isis

Isis, contraggono Hiv da schiave del sesso: costretti a diventare kamikaze

Almeno 16 militanti dell'esercito nero in quarantena, dopo i rapporti con due donne marocchine. Secondo fonti curde, adesso diventeranno attentatori suicidi

Una regola spietata per carnefici e vittime: secondo fonti curde almeno 16 militanti dell'Isis sono stati costretti a diventare kamikaze perché avrebbero contratto l'hiv da due donne marocchine, schiave del sesso. L'Isis avrebbe così deciso di trasformare questi terroristi in attentatori suicidi.

I militanti sarebbero stati colpiti dal virus dopo rapporti con due schiave sessuali magrebine nella città di Al-Mayadeen, nella provincia siriana orientale di Deir el-Zor. Sempre secondo l'agenzia locale Ara News, informata da fonti mediche del luogo, i sedici uomini infetti sarebbero stati messi in quarantena, in attesa di essere utilizzati per attacchi kamikaze. "La maggior parte delle persone infette sono militanti stranieri", riportano i curdi. Le donne in questione sarebbero invece fuggite in Turchia, per sfuggire all'esecuzione, ma di loro non ci sono notizie certe. 

Questo però non è il primo caso di Hiv tra le truppe estremiste islamiche. In primavera, un combattente indonesiano affetto avrebbe "passato" il virus a una schiava nella città di Shaddadi. La donna sarebbe poi stata venduta ad altri terroristi, scatenando il panico. L'indonesiano, secondo quanto scrive il Mirror, sarebbe stato giustiziato.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Isis, contraggono Hiv da schiave del sesso: costretti a diventare kamikaze

Today è in caricamento