rotate-mobile
Sabato, 18 Maggio 2024
Medio Oriente / Israele

L'orrore delle fosse comuni a Khan Younis: "Centinaia di corpi"

Era la seconda città più grande della Striscia di Gaza, ora è quasi completamente distrutta. L'esercito israeliano si è ritirato dalla città e i corpi sono stati trovati nell'area dell'ospedale

I cadaveri di almeno 180 persone ammassati l'uno sull'altro. L'orrore di una fossa comune è stato scoperto a Khan Younis, nella parte meridionale della Striscia di Gaza

Khan Younis era la seconda città più grande della Striscia, ora è quasi completamente distrutta. L'esercito israeliano si è ritirato dalla città il 7 aprile, dopo quattro mesi di combattimenti e bombardamenti. I corpi sono stati trovati nel Nasser Medical Complex, l'ospedale più grande a essere rimasto aperto nella Striscia dopo l'attacco di marzo dell'ospedale di al Shifa. Il sospetto degli israeliani è sempre stato che l'ospedale fosse un nascondiglio dei miliziani di Hamas e della Jihad islamica e per questo è stato bersaglio di operazioni militari.

Si dimette Aharon Haliva, capo dell'intelligence israeliana

Nella zona ci sono ancora circa 2.000 dispersi questo significa che il bilancio è destinato ad aggravarsi ancora. Secondo Hamas, la scoperta della fossa comune presso l'ospedale Naser "riafferma la portata dei crimini e delle atrocità commesse dall'esercito di occupazione sionista".Khan Yunis AP Photo - Fatima Shbair - LaPresseDal 7 ottobre l'offensiva israeliana ha ucciso 34.097 palestinesi. Secondo fonti palestinesi, in diversi raid dell'aviazione solo domenica sono stati uccisi 22 gazawi (15 della stessa famiglia): 18 erano minori. Tra le vittime una donna incinta: i medici sono riusciti però a far nascere la sua bambina. L'inizio della Pasqua ebraica sembra non influire sulle operazioni di guerra. Israele si prepara ad aumentare la pressione militare nella Striscia di Gaza. "Assesteremo nuovi duri colpi e ciò accadrà presto. Nei prossimi giorni aumenteremo la pressione militare e politica su Hamas, perché questo è l'unico modo per liberare i nostri ostaggi e ottenere la nostra vittoria", ha detto il primo ministro Benjamin Netanyahu in un videomessaggio trasmesso domenica sera. 

Intanto oggi a Gerusalemme la tensione è alle stelle dopo che un'auto ha investito due pedoni in due luoghi diversi della città. Secondo il Times of Israel, la polizia israeliana ha confermato che si è trattato di un attacco terroristico. I pedoni sono rimasti feriti. L'autista e la persona che era in auto con lui sono fuggiti. Pare che i due abbiano abbandonato in strada la mitragliatrice perché si era inceppata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'orrore delle fosse comuni a Khan Younis: "Centinaia di corpi"

Today è in caricamento