rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
MEDIO ORIENTE / Israele

"Israele è pronto a colpire l'Iran per bloccarne il programma nucleare"

Lo ha affermato l'ex consigliere per la sicurezza nazionale Yaakov Amidrov

Israele è pronto a colpire l'Iran per bloccarne le capacità nucleari "per un periodo di tempo molto lungo". E' quanto ha dichiarato l'ex consigliere per la sicurezza nazionale Yaakov Amidrov, all'indomani del nuovo monito lanciato dal premier israeliano Benjamin Netanyahu contro il "cattivo accordo" che i paesi del gruppo 5+1 (Stati Uniti, Russia, Regno Unito, Francia, Cina e Germania, ndr) starebbero per siglare con Teheran sul suo programma di sviluppo nucleare.

"Noi non siamo gli Stati uniti d'America... ma abbiamo sufficienti capacità per fermare gli iraniani per un periodo di tempo molto lungo", ha detto Amidrov in un'intervista al Financial Times, mandando così un messaggio alla comunità internazionale che si appresta, il prossimo 20 novembre, a riprendere a Ginevra i negoziati con Teheran.

"Non stiamo bleffando - ha aggiunto - siamo molto seri, preparandoci alla possibilità che Israele debba difendersi da solo". L'ex consigliere ha quindi riferito delle operazioni condotte dalle forze israeliane in vista di tale eventualità, tra cui "voli a lungo raggio" per preparare i piloti a possibili missioni in Iran. "Tutti quelli che hanno una copertura radar sul Medio Oriente stanno cosa stiamo facendo", ha puntualizzato.


Alla domanda su quale sarà la risposta israeliana a un'eventuale rappresaglia degli Hezbollah libanesi, con missili e razzi lanciati contro lo Stato ebraico, Amidror ha risposto: "Dovremo essere pronti a usare le forze di terra per entrare nei centri abitati e fronteggiare gli individui che lanciano i razzi, distruggendo razzi e lanciarazzi".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Israele è pronto a colpire l'Iran per bloccarne il programma nucleare"

Today è in caricamento