rotate-mobile
Martedì, 27 Febbraio 2024
Rio / Roma

Traditi dal navigatore, entrano in una favela e gli sparano: come stanno i due giovani italiani

I due ragazzi di 21 e 23 anni sono ricoverati in un ospedale di Rio de Janeiro

Feriti a colpi di arma da fuoco dopo essere entrati per sbaglio in una favela di Rio de Janeiero, in Brasile. Riccardo Celfis e Nicolo Desiato, entrambi di Roma, di 21 e 23 anni, sono ora ricoverati all'ospedale municipale Evando Freire, a Ilha do Governador. Nicolò è stato operato al braccio sinistro, mentre Riccardo è stato invece colpito al costato, ma entrambi "sono fuori pericolo", ha precisato il consolato d'Italia a Rio. 

Come scrive g1globo.com, tutti e cinque si trovano da alcuni mesi in Brasile per uno scambio culturale. Al momento dell'accaduto stavano rientrando a San Paolo, dopo una veloce visita turistica nella capitale Carioca. In base a una prima ricostruzione della polizia militare, i giovani avevano partecipato ad una festa a Marina da Glória, nella zona Sud di Rio. Da lì sarebbero andati a cercare un fast-food per poi andare a fare il pieno di benzina su avenida Brasil, la Linha Amarel, il grande raccordo cittadino con accesso a varie baraccopoli della Zona Nord.

A tradirli, secondo la ricostruzione della Policia Civil, il gps della loro auto che li ha portati sino alla favela da Marè, un'area così violenta da essere stata ribattezzata 'la fascia di Gaza carioca'. Una volta nella baraccopoli del complexo Manguinhos sono quindi stati raggiunti da alcuni spari, esplosi probabilmente dai narcotrafficanti che controllano la zona. Ad avere la peggio i due romani, feriti al braccio ed al costato e poi trasportati in ospedale.

Non è la prima volta che si verificano casi simili a Rio, sempre a causa di informazioni errate del Gps. A dicembre 2016 accadde a due cugini, anche loro italiani. Roberto Bardella, di 52 anni, e Rino Polato, 59, che stavano attraversando l'America Latina in motocicletta. Ai due però andò peggio: entrarono per errore nella favela di Morro dos Prazeres, a Santa Teresa. Roberto venne colpito alla testa e ad un braccio morendo sul colpo. Rino non venne ferito, ma rimase nelle mani dei malviventi per circa due ore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Traditi dal navigatore, entrano in una favela e gli sparano: come stanno i due giovani italiani

Today è in caricamento