Martedì, 2 Marzo 2021
Stati Uniti d'America

Joe Biden ha giurato: è il 46esimo presidente degli Stati Uniti

"La democrazia ha prevalso", ha detto nel suo discorso. La cerimonia in una capitale blindata. Trump e la moglie Melania hanno già lasciato Washington diretti in Florida

Joe Biden diventa oggi ufficialmente il 46esimo presidente degli Stati Uniti in un Inauguration Day diverso alla tradizione, tra pandemia e clima teso dopo l’attacco al Congresso da parte dei supporter pro Trump lo scorso 6 gennaio. 

"La democrazia è preziosa e fragile", ha detto il neo presidente nel suo discorso dopo il giuramento, mentre "c'è molto da riparare, da ricostruire, da curare e da ottenere", perché quello attuale è "un momento di crisi, ma l'unità ci potrà salvare”. Con Biden ha giurato anche la vice presidente Kamala Harris. 

ll giuramento di Biden e Harris

L'inizio della cerimonia intorno alle 17 (ora italiana), poi il giuramento di Biden e della vice presidete Kamala Harris. Biden e sua moglie Jill, insieme a Kamala Harris e al marito Douglas Emhoff, sono stati accolti da un picchetto d’onore schierato lungo la scalinata e dai leader democratici e repubblicani del Congresso. “È un nuovo giorno in America”, ha scritto Biden su Twitter poco prima del giuramento. 

La prima a giurare è stata la vice presidente Kamala Harris. A far giurare Harris, prima donna e prima donna non bianca a diventare vice presidente degli Stati Uniti, è stata Sonia Sotomayor, prima ispanica e terza donna nominata giudice della Corte Suprema. 

Poi è stata la volta di Joe Biden, che oggi è diventato ufficialmente il 46esimo presidente degli Stati Uniti. Biden ha giurato con il presidente della Corte Suprema John G. Roberts, sotto lo sguardo commosso della moglie Jill.

Il giuramento è avvenuto sulla Bibbia che la sua famiglia si tramanda dal 1893. L'antico e voluminoso libro reca una croce celtica sulla copertina, a testimonianza delle origini irlandesi. Biden ha sempre usato la Bibbia di famiglia per i giuramenti, da senatore e vicepresidente. La stessa usata dal figlio Beau, morto di tumore nel 2015, per giurare da procuratore generale del Delaware.

"La democrazia è preziosa e fragile e ha oggi ha vinto”, ha detto Biden nel suo discorso, che ha fatto poi più volte riferimento alla necessità di “unità”, definita un “valore fondamentale per l’America”, per fronteggiare le gravi difficoltà che il Paese deve affrontare in questo momento. “Combatterò anche per coloro che non mi hanno votato”, ha aggiunto Biden. 

“Oggi celebriamo la vittoria, non di un candidato, ma di una causa - la causa della democrazia. La volontà del popolo è stata ascoltata. Abbiamo imparato di nuovo che la democrazia è preziosa. La democrazia è fragile. E in questo momento, amici miei, la democrazia ha prevalso”

"Dobbiamo affrontare il terrorismo interno e lo sconfiggeremo", ha detto promesso il neo presidente, citando i "suprematisti bianchi" tra i pericoli che l'America si trova a fronteggiare. "L'America è migliore di quella che vedo adesso - ha detto Biden - Non possiamo vederci come avversari".

"Sarò il presidente di tutti gli americani", ha aggiunto Biden, esortanto gli americani a "rispettare l'altro" perché "il disaccordo non diventi guerra mondiale" né alla "disunione". 

Molti i riferimenti alla pandemia. "Dobbiamo combattere contro il virus per la nostra sopravvivenza - ha affermato il neo presisdente - un virus che non si aveva da un secolo, che silenziosamente minaccia il Paese, ha preso più vite in un anno in America che in tutta la Seconda Guerra Mondiale".

Nel suo discorso Joe Biden si è rivolto anche a coloro che vivono "oltre i nostri confini". L'America "è stata messa alla prova e ne siamo usciti più forti”” ma Biden ha promesso di “riparare le nostre alleanze e impegnarci nuovamente nel mondo”.  “Le recenti settimane ci hanno insegnato una dolorosa verità, c'è la verità e ci sono le menzogne, le menzogne dette per potere e per profitto", ha poi detto Biden, senza citare apertamente il suo predecessore Donald Trump. Biden ha poi espresso la convinzione che gli americani saranno in grado di rialzarsi”. Ed ognuno di noi ha una responsabilità come cittadini, gli americani, e soprattutto i leader, devono onorare la nostra Costituzione e proteggere la nostra nazione, difendere la verità e sconfiggere le menzogne".

L’America, ha proseguito Biden, "guiderà non solo dando esempio della propria forza, ma anche grazie alla forza dell’esempio che daremo". “Questo è un momento in cui siamo messi a dura prova”, ha aggiunto Biden, riconoscendo le difficoltà che il Paese dovrà affrontare nella lotta al coronavirus. “Saremo giudicati, voi ed io, da come risolveremo le crisi della nostra era. Saremo all'altezza dell'occasione? Riusciremo a dominare quest'ora rara e difficile?”.

"Difenderò la Costituzione, difenderò la nostra democrazia, difenderò l'America", uno dei passaggi finali del discorso inaugurale, col quale il nuovo presidente si è impegnato a perseguire "non l'interesse personale, ma il bene comune".

In Campidoglio per il giuramento di Biden sono arrivati Barack Obama e la moglie Michelle, George W. Bush e la moglie Laura, Bill e Hilary Clinton. Presenti anche il vicepresidente uscente Mike Pence e il leader dei repubblicani in Senato Mitch McConnell. 

Poco dopo il giuramento sono comparsi gli account ufficiali Twitter di Joe Biden e Kamala Harris come presidente e vice presidente degli Stati Uniti. Al momento l’account di @Potus ha più un milione di followers. Twitter ha deciso di non trasferire i follower dell’account @Potus di Trump. 

Il primo tweet da presidente di Joe Biden pochi minuti dopo al fine del suo discorso: 

“Non c’è tempo da perdere quando si tratta di affrontare le crisi che dobbiamo affrontare. Ecco perché oggi sto andando nello Studio Ovale per mettermi subito al lavoro offrendo un’azione coraggiosa e un sollievo immediato alle famiglie americane”. 

La cerimonia dell'insediamento di Joe Biden in diretta

L'ultimo giorno da presidente di Donald Trump

Donald Trump e la moglie Melania hanno già lasciato questa mattina la Casa Bianca, con una decina di minuti di ritardo rispetto all’orario previsto. La coppia si è imbarcata su un elicottero diretti alla Joint Base Andrews, dove il presidente uscente ha tenuto un breve discorso. “Sono stati quattro anni incredibili. Abbiamo fatto tanto", ha detto Trump, per poi aggiungere: "Vi amo, torneremo in qualche modo”. Secondo la Cnn Trump avrebbe ignorato il discorso che i suoi assistenti avevano preparato per lui in vista dell'evento di saluto alla Joint Base Andrews. La Cnn cita fonti bene informate precisando che Trump ha deciso di scartare il discorso dopo averlo letto questa mattina alla Casa Bianca. 

Dopo il breve discorso di commiato - e salutati dalle note di YMCA - Trump e Melania si sono quindi imbarcati sull'Air Force One che li porterà in Florida, a Palm Beach.

Nel suo ultimo giorno da presidente, Trump ha concesso la grazia a 73 persone e commutato 70 sentenze. Tra i graziati Steve Bannon (“perseguito con accuse relative a frodi derivanti dal suo coinvolgimento in un progetto politico”, secondo una nota diffusa dalla Casa Bianca) e l’italiano Tommaso Buti

La Cina sanziona Pompeo e altri 27 esponenti dell'amministrazione Trump

Mentre era in corso la cerimonia dell’insediamento di Joe Biden la Cina ha annunciato sanzioni per 28 esponenti dell’amministrazione Trump per  “gravi violazioni” della sovranità cinese: tra queste Mike Pompeo, Peter Navarro, Robert O'Brien, David Stilwell, Matthew Pottinger, Alex Azar II, Keith J. Krach e Kelly DK Craft, John Bolton  Stephen Bannon. Né loro né i loro parenti stretti potranno entrare in Cina, a Hong Kong e a Macao; vietato anche alle loro aziende e istituzioni a loro associate fare affari con la Cina. 

(articolo aggiornato alle 19:30)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Joe Biden ha giurato: è il 46esimo presidente degli Stati Uniti

Today è in caricamento