rotate-mobile
Domenica, 3 Luglio 2022
Il domino del dolore / Stati Uniti d'America

Muore d'infarto il marito della maestra uccisa nella strage di Uvalde

Joe e Irma Garcia stavano insieme sin da ragazzini, erano sposati da 24 anni e avevano quattro figli. Nella strage di Uvalde lei è morta facendo scudo ai piccoli alunni

Il suore cuore non ha retto, è morto due giorni dopo la moglie. Il marito di Irma Garcia, la maestra della scuola elementare Robb Primary School di Uvalde, uccisa mentre faceva scudo col suo corpo ai piccoli allievi della scuola elementare, è deceduto ieri per un infarto, due giorni dopo la strage, dove Salvador Ramos ha ucciso 19 bambini e due maestre. Joe Garcia "è morto per il dolore", hanno detto membri della famiglia che ora si trova a dover organizzare, non uno, ma due funerali. Joe e Irma stavano insieme sin da ragazzini, erano sposati da 24 anni e avevano quattro figli, il maggiore Cristian appena entrato nei Marines, la minore Alysandra ancora alle medie. Nel mezzo Jose, alla Texas State University, e Lyliana, al penultimo anno di liceo.

Uvalde è una piccola cittadina di 15 mila abitanti, dove si conoscono tutti: Irma e Joe si erano conosciuti alle scuole superiori e lì si erano innamorati. "Zia Irma era da trent'anni l'amore della sua vita, quest'anno avrebbero celebrato le nozze d'argento. Credo davvero che sia morto di cuore spezzato" dice Debra Austin, una cugina. Joe Garcia aveva appena deposto dei fiori giovedì mattina nel luogo commemorativo della sua amata Irma. Quando è tornato a casa, si è seduto a un tavolo da cucina circondato dalla famiglia e improvvisamente è crollato. I tentativi di rianimarlo non hanno avuto successo. La morte di Joe Garcia è stata confermata dal nipote John Martinez su Twitter: "Pregate per noi. E Dio abbia pieta. Non è facile". Irma Garcia aveva 49 anni ed era una maestra molto amata. Alcuni anni fa era stata finalista per il Trinity Prize for Excellence in Teaching assegnato dalla Trinity University ai migliori insegnanti della zona di San Antonio, Texas.

Una raccolta fondi su GoFundMe a sostegno della sua famiglia e per le spese del funerale ha raccolto più di 170 mila dollari nelle prime 12 ore: "Ha sacrificato se stessa per proteggere i bambini della classe. Una vera eroina", si legge sulla pagina della donazione.  Nella strage di Uvalde Salvador Ramos, ha ucciso a colpi di fucile automatico Irma Garcia, la sua collega Eva Mireles e 19 bambini di quarta elementare.

Tutte le notizie di oggi

Strage di Uvalde e armi da fuoco negli Usa

Secondo un recente studio del Centers for Disease Control and Prevention (Cdc), le armi sono diventate la principale causa di morte tra i giovani americani, superando gli incidenti automobilistici. Ciò riflette un forte aumento degli omicidi da arma da fuoco negli Stati Uniti, come il massacro nella scuola elementare del Texas di 19 studenti martedì. 4.036 morti sono state attribuite a incidenti stradali tra giovani americani di età inferiore ai 19 anni, in confronto, 332 morti in più sono state causate da un'arma da fuoco. Gli omicidi rappresentano quasi i due terzi di queste morti. Il divario si è gradualmente ridotto con il calo degli incidenti stradali dovuto al miglioramento della sicurezza stradale nel corso degli anni, mentre i decessi per armi da fuoco sono aumentati. Le due curve si sono incrociate nel 2020, le ultime statistiche disponibili, e i risultati sono stati analizzati in una lettera al New England Journal of Medicine la scorsa settimana.

La tabella Cdc mostra che quasi il 30% dei decessi sono stati suicidi, con poco più del 3% dei decessi accidentali e le cause indeterminate per il 2% dei casi. Un piccolo numero di essi viene definito "intervento legale", ovvero decessi che si verificano durante le interazioni con le forze dell'ordine. I giovani afroamericani sono vittime in modo sproporzionato delle armi da fuoco, con quattro volte il rischio di essere uccisi a colpi di arma da fuoco, rispetto ai giovani bianchi, per i quali gli incidenti stradali rappresentano una minaccia maggiore. Il secondo gruppo più colpito sono i nativi americani. Gli uomini hanno anche sei volte più probabilità di morire per un'arma da fuoco rispetto alle donne. Geograficamente, il tasso di morte per armi da fuoco è più alto nella capitale degli Stati Uniti Washington, seguita da Louisiana e Alaska.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Muore d'infarto il marito della maestra uccisa nella strage di Uvalde

Today è in caricamento