Sabato, 13 Luglio 2024
Patteggia / Australia

Julian Assange è libero: l'accordo raggiunto e tutto il caso WikiLeaks (in breve)

Il fondatore di WikiLeaks, 52 anni, ha accettato di dichiararsi colpevole di una unica accusa per la quale dovrebbe scontare 64 mesi di carcere che saranno però compensati con quelli già trascorsi in prigione. Un caso che "si è trascinato fin troppo a lungo", ha commentato Canberra. Ha trascorso cinque anni in una cella di 2x3 metri, isolato 23 ore al giorno

La svolta arriva inattesa, comunicata al mondo nella notte tra lunedì e martedì. Julian Assange, 52 anni, è uscito dal carcere di massima sicurezza vicino a Londra dove ha trascorso cinque anni e ha lasciato il Regno Unito. Accordo di patteggiamento raggiunto con la giustizia americana per la fuga di notizie riservate. Il fondatore dell'organizzazione internazionale potrà tornare ora in Australia. Un caso che "si è trascinato fin troppo a lungo", ha commentato Canberra. 

Assange è libero

Il fondatore di WikiLeaks ha accettato di dichiararsi colpevole di una unica accusa per la quale dovrebbe scontare 64 mesi di carcere che saranno però compensati con quelli già trascorsi in prigione, diventando di fatto un uomo libero non appena l'accordo raggiunto con il Dipartimento di giustizia Usa sarà ratificato. "Sono grata che il calvario di mio figlio stia volgendo finalmente al termine", ha detto Christine Assange ad Abc e altri media. "Questo è il potere e l'importanza della diplomazia silenziosa".

Il fondatore di Wikileaks "ha lasciato il carcere di massima sicurezza di Belmarsh la mattina del 24 giugno, dopo avervi trascorso 1901 giorni. Gli è stata concessa la libertà su cauzione dall'Alta corte di Londra ed è stato rilasciato nel pomeriggio all'aeroporto di Stansted, dove si è imbarcato su un aereo ed è partito dal Regno Unito", si legge in un comunicato pubblicato sull'account X dell'organizzazione.

"Questo è il risultato di una campagna globale che ha coinvolto organizzatori di base, attivisti per la libertà di stampa, legislatori e leader di tutto lo spettro politico, fino alle Nazioni Unite. Ciò ha creato lo spazio per un lungo periodo di negoziati con il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, che ha portato a un accordo che non è stato ancora formalmente finalizzato", viene specificato da Wikileaks. "Assange dopo più di cinque anni in una cella di 2x3 metri, isolato 23 ore al giorno, presto si riunirà alla moglie Stella Assange e ai loro figli, che hanno conosciuto il padre solo da dietro le sbarre", conclude la nota.

Stella Assange: "Immensa gratitudine per chi si è mobilitato in tutti questi anni"

"Julian è libero!!!!". Lo scrive, su Facebook, Stella Assange. "Le parole non possono esprimere la nostra immensa gratitudine a te, sì proprio a te che ti sei mobilitato per anni e anni per rendere questo vero. Grazie, grazie, grazie", aggiunge.

Funzionari statunitensi hanno affermato che Assange ha spinto Manning a ottenere migliaia di pagine di dispacci diplomatici statunitensi non filtrati che potenzialmente mettevano in pericolo fonti riservate, rapporti di attività significative legate alla guerra in Iraq e informazioni relative ai detenuti di Guantánamo. Il presidente Joe Biden negli ultimi mesi aveva alluso a un possibile accordo promosso dai dirigenti del governo australiano per riportare Assange in Australia. Funzionari dell'Fbi e del dipartimento di giustizia si sono opposti a qualsiasi accordo che non includesse una dichiarazione di colpevolezza da parte di Assange, hanno riferito alla Cnn persone informate sui fatti.

Il caso, in breve

Un caso "trascinatosi troppo a lungo", lo ha dunque definito un portavoce del governo australiano. E' nel 2010, infatti, che Julian Paul Assange Hawkins all'anagrafe di Townsville, città australiana dove è nato il 3 luglio 1971, è diventato un nome noto per aver rivelato tramite WikiLeaks, l'organizzazione nata nel 2006 di cui è cofondatore, documenti statunitensi segretati, ricevuti dall'ex militare Chelsea Manning, riguardanti crimini di guerra in Afghanistan e Iraq, causando secondo il Dipartimento di giustizia Usa problemi di sicurezza nazionale agli Stati Uniti. La mossa gli frutta svariati encomi e onorificenze (tra cui il Premio Sam Adams, la Medaglia d'oro per la Pace con la Giustizia dalla Fondazione Sydney Peace e il Premio per il Giornalismo Martha Gellhorn), persino la proposta di un Nobel per la pace, ma anche una serie di problemi con la giustizia americana e non solo.

Dall'11 aprile 2019 Assange era in carcere a Belmarsh, nel Regno Unito, prima per violazione dei termini della libertà su cauzione conseguente alle controverse accuse di stupro in Svezia (formalizzate nel 2010 e archiviate nel 2017), e poi in relazione a una richiesta di estradizione avanzata dagli Stati Uniti d'America con l'accusa di cospirazione. Detenzione e accuse che hanno suscitato una forte protesta nel mondo e appelli per il rilascio da parte dell'opinione pubblica e di svariate organizzazioni per i diritti umani, fino all'attivarsi del relatore Onu sulla tortura nel novembre 2019, fatta propria anche dal Consiglio d'Europa.

Il 5 gennaio 2021 la giustizia inglese ha negato l'estradizione di Assange per motivi di natura medica, nello specifico per il bene della sua salute mentale, poiché era alto il rischio di tendenze suicide. Il 10 dicembre 2021 l'Alta corte di Londra ha ribaltato la sentenza che negava l'estradizione. Un ulteriore passo verso la consegna di Assange ai tribunali americani è avvenuto il 14 marzo 2022: la Corte Suprema del Regno Unito ha respinto il ricorso presentato dai legali dell'australiano, lasciando l'ultima decisione al ministro dell'interno Patel. Il 21 aprile 2022 la Westminster Magistrates' Court di Londra aveva emesso l'ordine formale di estradizione negli Usa.

Dal 2010 a oggi, oltre che nel carcere londinese, Assange è stato 'ospite' dal 2012 per 7 anni dell'ambasciata dell'Ecuador a Londra, Paese cui aveva chiesto asilo politico. Ora torna in Australia. Libero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Julian Assange è libero: l'accordo raggiunto e tutto il caso WikiLeaks (in breve)
Today è in caricamento