rotate-mobile
Sabato, 20 Aprile 2024
Mondo Francia

Nizza, gli sms e i soldi al killer: "Non provati i legami con l'Isis"

Mohamed Lahouaiej Bouhlel ha inviato alle 22.27 di giovedì un messaggio a uno degli uomini già fermati. Dal ministro dell'Interno francese massima cautela sui suoi contatti con l'estremismo. Ecco cosa sappiamo sull'inchiesta aperta in Francia dopo l'attentato

Prima di compiere la strage, Mohamed Bouhlel ha fatto alcuni sopralluoghi con il camion lungo la Promenade des Anglais dove ha colpito il 14 luglio. Le telecamere di videosorveglianza lo avrebbero infatti ripreso al volante del camion. Secondo gli investigatori, il killer avrebbe inviato diversi sms a un complice, poi fermato, chiedendo più armi.

I LEGAMI CON L'ISIS - Nel giorno in cui Nizza ricorda le 84 vittime della strage, emergono altri particolari sull'inchiesta aperta dagli inquirenti francesi: è stata fermata una settima persona, rilasciata invece l'ex moglie dell'attentatore. "Legami tra l'attentatore di Nizza e le reti terroristiche al momento non sono stati comprovati dall'inchiesta". Lo ha affermato il ministro dell'Interno francese, Bernard Cazeneuve, in merito all'autore della strage del 14 luglio, Mohamed Lahouaiej Bouhlel. "Non possiamo escludere che un individuo squilibrato e violento, dopo una rapida radicalizzazione, si sia lanciato in questo crimine assolutamente spaventoso", ha aggiunto. Sebbene prove, come detto, non ve ne siano, questo legame con l'Isis o con Al Nusra pare tuttavia probabile: "Le modalità operative dell'attacco corrispondono a quelle contenute nei messaggi di Daesh", aggiunge Cazeneuve.

LA "STRAGE ORGANIZZATA" - Una fonte vicino all'inchiesta ha rivelato a Le Figaro che Bouhlel avrebbe organizzato la carneficina una decina di giorni prima del 14 luglio. Il 31enne avrebbe infatti prenotato il camion frigorifero il 4 luglio a Saint Laurent fu Var e, come ha precisato il procuratore Molins, l'ha poi recuperato l'11 luglio. Avrebbe poi dovuto restituirlo il giorno prima della strage. Nella settimana precedente all'attacco, avrebbe anche svuotato il suo conto in banca, venduto l'auto e annunciato la propria radicalizzazione ai conoscenti. Tra gli ultimi movimenti bancari del tunisino ci sarebbe un acquisto su internet di 24 euro, che nel saldo appare soltanto con la causale 'Islam', ma che non corrisponde all'indirizzo di alcuna pagina web. La transazione risale al 6 luglio.

Una folla immensa per ricordare le vittime

nizza funerali-2\

IL VETRO DEL CAMION - Emerge intanto un dettaglio inquietante sul camion frigorifero: il vetro non è andato in mille pezzi nonostante sia stato raggiunto da decine di proiettili. Un particolare che lascia pensare che si tratti di un vetro blindato e che apre le porte all'ipotesi che l'operazione sia stata attentamente studiata nei minimi dettagli, prima di essere messa in atto.

Terrore a Nizza: le prime pagine dei quotidiani

Poco prima di entrare in azione, Bouhlel ha telefonato a un uomo considerato vicinissimo a Omar Diaby, che sarebbe un jihadista di riferimento a Nizza. Diaby non è però affiliato all'Isis bensì al fronte estremista Al Nusra. Una vicinanza tra l'attentatore e il radicalismo islamico sarebbe inoltre stata confermata dalle persone fermate sabato in relazione all'attacco lungo la Promenade.

Nizza, le immagini della strage del 14 luglio

IL RICORDO DELLE VITTIME - Oggi intanto il premier francese Manuel Valls è stato accolto dai fischi all'arrivo sotto il monumento del centenario dove è in programma la manifestazione in memoria delle vittime dell'attentato. Molte persone hanno espresso il proprio disappunto rumorosamente: "Cambia lavoro", hanno urlato in molti. E continuano gli omaggi di turisti e residenti sulla Promenade des Anglais, dove si è consumato il massacro: mazzi di fiori, catene, peluches, biglietti per coprire le macchie di sangue delle vittime dell'attentato terroristico, mentre nel luogo dove è stato ucciso dalla polizia Mohamed Lahouaiej Bouhlel, autore della strage, un cumulo di sassi e spazzatura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nizza, gli sms e i soldi al killer: "Non provati i legami con l'Isis"

Today è in caricamento