Venerdì, 22 Ottobre 2021
Simboli / Afghanistan

Liya, la neonata simbolo della fuga da Kabul: cosa è successo davvero a lei e alla sua famiglia

Un mese e mezzo fa aveva solo 16 giorni, oggi ha iniziato la sua nuova vita, lontano. Papà Hameed spera di poter incontrare prima o poi quel marine che ha allungato le braccia per salvare la vita della sua piccola

Quelle drammatiche immagini del salvataggio erano diventate il simbolo del dramma di Kabul nei giorni di metà agosto, quando la presa della capitale da parte dei talebani aveva fatto precipitare l'Afghanistan nel caos più rapidamente di qualsiasi pessimistica previsione. La bambina, Liya, che un mese e mezzo fa aveva solo 16 giorni, oggi ha iniziato la sua nuova vita, lontano. Dall'altra parte del mondo.  Il 19 agosto suo padre, da tempo all’aeroporto Hamid Karzai di Kabul per aiutare i marine nelle evacuazioni dopo la decisione del ritiro dall’Afghanistan, nella calca della folla che provava a scappare dal Paese, ha chiesto a un marine in piedi su un veicolo di aiutare a portare la bambina in salvo, alzandola oltre il filo spinato.

Erano ore di angoscia in aeroporto, migliaia di persone in poche centinaia di metri quadri. "Sapevo che non ce l'avrebbe mai fatta. Sarebbe morta schiacciata, Dio non voglia, o gravemente ferita", ha raccontato papà Hameed. In quel momento all' aeroporto c’era anche la mamma della piccola, Sadia, che nella calca ha avuto un malore. Hameed si è occupato anche di lei, poi è tornato al lavoro con le evacuazioni.  L'interprete ha rivelato che nei giorni precedenti lui viveva ormai in aeroporto e non poteva uscire per incontrare la figlia appena nata e poteva parlare solo con sua moglie Sadia per telefono. Il 19 agosto aveva detto a Sadia di fuggire all'aeroporto. "Abbiamo ricevuto informazioni che le persone venivano uccise. A causa della mia affiliazione con l'esercito, sapevo che la mia casa sarebbe stata la prossima. Non era una questione di 'se', ma di 'quando'", ha detto Hameed.

Sadia e Liya si sono precipitate all'aeroporto di Kabul con tutte le loro cose, ma al checkpoint vicino all'aeroporto i talebani hanno rubato i loro documenti e tutto il denaro che avevano, lasciandole con centinaia di altre persone che hanno cercato di varcare il cancello dell'aeroporto. Dopo ore concitate, tutta la famiglia è stata messa su un volo diretto negli Stati Uniti con altri rifugiati. Ora vivono a Phoenix, in Arizona. Hameed spera di poter incontrare prima o poi quel marine che ha allungato le braccia per salvare la vita della sua piccola Liya.

Il bimbo salvato dai soldati americani all'aeroporto di Kabul

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Liya, la neonata simbolo della fuga da Kabul: cosa è successo davvero a lei e alla sua famiglia

Today è in caricamento