rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Emergenza Covid / Austria

Il ritorno del lockdown: l'Austria chiude tutto anche per i vaccinati e anche la Germania è a rischio stop

Dal 1 febbraio in vigore l'obbligo vaccinale con multe o pene detentive per i no vax: è il primo Paese dell'Unione Europea ad imporre il vaccino anti Covid. E anche la Germania pensa a nuove restrizioni

  • Dal 15 novembre è in vigore il lockdown per i non vaccinati
  • Da lunedì 22 lockdown generale per 20 giorni
  • Dal 1 febbraio 2022 obbligo vaccinale
  • Come l'Austria anche la Germania a rischio stop

L'Austria da lunedì attiverà la misura del lockdown, anche per vaccinati, per arginare il più possibile la quarta ondata di Covid-19. Come ha affermato il cancelliere Alexander Schallenberg, "è l'unica opzione". Secondo gli ultimi dati in Austria l'incidenza è arrivata ad mille casi ogni 100mila abitanti mentre solo il 65% della popolazione austriaca è completamente vaccinato, uno dei tassi più bassi dell'Europa occidentale. 

Lockdown in Austria da lunedì

Il governo ha detto che il nuovo lockdown potrà durare tra i 10 ed i 20 giorni per fermare l'ondata di contagi, poi dal 13 dicembre il lockdown interesserà solo persone non vaccinate. Già dal 15 novembre scorso in Austria è in vigore un blocco per i non vaccinati contro il Covid-19, circa due milioni di persone che possono uscire di casa solo per motivi limitati, come andare a lavoro o a fare la spesa. 

Obbligatorio il vaccino anti Covid

Inoltre dall'1 febbraio del 2022 sarà imposto l'obbligo vaccinale alle persone che a quel giorno non avranno ricevuto alcuna dose del vaccino contro il Covid-19. L'obbligo vaccinale sarà combinato con sanzioni amministrative elevate o una pena detentiva alternativa. "Dobbiamo guardare davanti alla realtà - ha detto Schallenberg - chi è contro al vaccino compie un attento alla nostra salute, non vogliamo la quinta e la sesta ondata, il virus non va via, il virus resta".

covid austria-2

Covid, situazione "drammatica" in Germania e in Austria

Anche in Germania la situazione è talmente grave che Berlino sta prendendo in cosiderazione nuove chiusure: il Robert Koch Institut (Rki), il centro epidemiologico tedesco, che monitora l'andamento della pandemia nel Paese, conferma 52.970 nuovi casi di coronavirus nelle ultime 24 ore, in calo rispetto ai 65.371 di ieri che hanno fatto segnare il dato più alto dall'inizio della pandemia. Il tasso di incidenza a sette giorni è pari a 340,7 (nuovo massimo), mentre 201 persone hanno perso la vita per complicanze riconducibili al coronavirus nelle ultime 24 ore. "Avevamo sperato in un inverno, ma a causa della variante delta e dell'alto tasso di persone che non sono vaccinate la situazione è ancora grave, anzi per certi aspetti peggiori che in passato" spiega Lothar Wieler, il presidente del Robert Koch Institut.

Germania, il governo valuta Lockdown

Il ministro della Salute tedesco Jens Spahn ha spiegato che il governo sta valutando nuove chiusure, lockdown generale compreso: "Siamo in una fase in cui non dovremmo escludere nulla".

covid germania-2

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il ritorno del lockdown: l'Austria chiude tutto anche per i vaccinati e anche la Germania è a rischio stop

Today è in caricamento