rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
VENEZUELA / Venezuela

Los Roques, al via nuove ricerche dell'aereo scomparso nel 2008

"La nave che effettuerà le ricerche dei nostri cari è partita ieri dagli Usa alla volta del Venezuela" annunciano i parenti delle vittime. "Speriamo sia la volta buona"

"Abbiamo avuto conferma dalle autorità italiane che la nave che effettuerà le ricerche dei nostri cari è partita ieri dagli Usa alla volta del Venezuela". Lo annuncia Romolo Guernieri, il padre di Bruna, la donna trevigiana scomparsa con il marito Paolo Durante e le due figliolette, in un volo da Caracas per Los Roques nel gennaio 2008 con a bordo 14 passeggeri tra cui 8 italiani. Le ricerche nel tratto di mare dove l'aereo potrebbe essere caduto inizieranno il 20 marzo. Romolo Guernieri fa sapere che il 18 marzo partiranno dall'Italia i tecnici incaricati di supportare le operazioni. "Finalmente speriamo che sia la volta buona - dice Guernieri - dopo tanti anni di rinvii".

L'arcipelago è tornato nuovamente di prepotenza sulle prime pagine dei giornali italiani a inizio gennaio, quando durante il trasferimento da Los Roques a Caracas sparì nel nulla un aereo con a bordo Vittorio Missoni, la moglie ed altri due italiani. Il velivolo, piccolo bimotore britannico Norman BN2 di colore bianco con le sigle YV2615 BN-2, era scomparso sulle acque dell'arcipelago Los Roques. I nostri connazionali a bordo erano lo stilista Vittorio Missoni e sua moglie Maurizia Castiglione, in vacanza con una coppia di amici: Elda Scalvenzi e Guido Foresti.

Nel 2008 - anche in questo caso un 4 gennaio - le acque di Los Roques furono al centro di un'altra misteriosa vicenda: un velivolo di turismo della compagnia Transaven con a bordo otto italiani scomparve mentre era in volo da Caracas in avvicinamento all'arcipelago. Da allora nessuna notizia dell'aereo. Ora i parenti delle vittime sperano che le nuove ricerche diano delle risposte ai loro tanti dubbi.

A cinque anni dalla sua scomparsa, la sorte del piccolo aereo (un bimotore Let 410 della compagnia Transaven) - e dei suoi 14 passeggeri - di cui otto italiani - resta ancora un caso irrisolto. Qualche settimana fa, il settimanale Oggi ha riportato le trascrizioni del via libera al decollo da parte della torre di controllo, sottolineando che le persone a bordo erano 18 e non 14. Questo avvalorerebbe l'ipotesi che i 4 passeggeri in più "sarebbero stati narcotrafficanti che avrebbero dirottato il velivolo da utilizzare successivamente per il trasporto di cocaina".

A bordo del volo di linea della Transaven partito da Caracas 5 anni fa, c'erano 14 persone, tra cui 8 italiani: due amiche bolognesi, Rita Colanni e Annalisa Montanari, la famiglia di Treviso di Paolo Durante (nella foto) che viaggiava con la moglie Bruna Guarnieri e le piccole Emma e Sofia di 6 e 8 anni, i neosposi di Roma Stefano Fragione e Fabiola Napoli. Fino ad oggi l'unico cadavere ad essere stato ritrovato è quello del copilota, il 37enne Osmel Alfredo Avila Otamendi. Dell'aereo e degli altri passeggeri - tra cui anche 3 venezuelani e uno svizzero - non è stata rinvenuta alcuna traccia.

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Los Roques, al via nuove ricerche dell'aereo scomparso nel 2008

Today è in caricamento