Mercoledì, 17 Luglio 2024
Mondo

Così Lula e Xi studiano come sostituirei il dollaro con lo yuan

Il presidente brasiliano, Luiz Inácio Lula da Silva, e quello cinese, Xi Jinping, hanno firmato oggi a Pechino 15 accordi bilaterali

Un'intesa non solo commerciale, ma che si spinge fino all'idea di "cambiare la governance globale". Con questo messaggio è giunto a Pechino il presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva, accolto con tutti gli onori dal presidente cinese, Xi Jinping. Il presidente brasiliano ha chiarito senza mezzi termini la direzione che intende imprimere alle relazioni con Pechino, dopo gli anni dell'isolamento internazionale del Paese sotto la guida del suo predecessore, Jair Bolsonaro: "Vogliamo dire al mondo che non abbiamo pregiudizi nei confronti del popolo cinese e che nessuno vieterà al Brasile di migliorare i suoi rapporti con la Cina", ha scandito Lula. "Gli interessi nella partnership con la Cina non sono solo commerciali", ha detto il presidente brasiliano, che apre a una partnership con Pechino per "cambiare la governance globale".

Parole che suonano come stoccate agli Stati Uniti all'indomani delle critiche del presidente brasiliano al ruolo del dollaro Usa nell'economia internazionale e al Fondo Monetario Internazionale durante la tappa a Shanghai, e ricambiate dagli elogi di Xi per l'ospite di riguardo.

Durante i colloqui a Pechino non poteva mancare un passaggio sulla guerra in Ucraina, tema che lo stesso Lula aveva anticipato di volere trattare con Xi, durante il viaggio a Pechino. I due capi di Stato, riferisce la televisione di Stato cinese Cctv, hanno convenuto che "il dialogo e il negoziato sono l'unica via d'uscita praticabile alla crisi" e Cina e Brasile sostengono "tutti gli sforzi per risolvere pacificamente la crisi"

Un'atmosfera, quella tra Lula e Xi, che contrasta con il clima, ben più teso, che ha scandito l'incontro, poche ore prima, tra la ministro degli Esteri tedesca, Annalena Baerbock, e il suo omologo cinese, Qin Gang. Baerbock, giunta ieri in Cina, ha chiesto a chiare lettere a Pechino di convincere la Russia a fermare la guerra in Ucraina e non ha risparmiato critiche, sia sul tema dei diritti umani che sulla questione di Taiwan (una riunificazione con la forza dell'isola alla Cina non sarebbe accettabile per gli europei, ha detto), temi che non risultano trattati nell'incontro tra Xi e il suo omologo brasiliano, secondo quanto emerso finora. Al contrario, Xi e Lula hanno assistito alla firma di 14 accordi di cooperazione bilaterale.

Tra le intese siglate oggi ci sono quelle per agevolare gli scambi tra i ministeri degli Esteri e dell'Industria dei due Paesi, e trattati per la cooperazione nei campi della scienza, della tecnologia, dell'aerospazio, dell'informazione e dei media, dello sviluppo sociale, della lotta alla fame, della finanza e dell'agricoltura.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Così Lula e Xi studiano come sostituirei il dollaro con lo yuan
Today è in caricamento