Giovedì, 17 Giugno 2021
Il giallo / Regno Unito

La scomparsa di Maddie McCann e la svolta "entro pochi mesi": come stanno le cose

Si stringe il cerchio attorno a Christian Brueckner? L'uomo di 44 anni è il principale indiziato, l'unico, per la scomparsa della piccola il 3 maggio 2007, quando Madeleine aveva 3 anni, in un residence a Praia de Luz, celebre località turistica in Algarve, Portogallo. Ma non ci sono ufficialmente passi avanti nelle indagini

Le indagini non si sono mai fermate. Si stringe il cerchio attorno a Christian Brueckner? L'uomo di 44 anni è il principale indiziato, l'unico, per la scomparsa della piccola Maddie McCann, svanita nel nulla il 3 maggio 2007, quando di anni ne aveva poco più di 3, in un residence a Praia de Luz, celebre località balneare in Algarve, Portogallo. La notizia rimbalza in questi giorni sui quotidiani di mezzo mondo, ma la realtà è che non ci sono certezze su nuovi elementi emersi di recente. Solo le parole - vaghe e "di circostanza" -  di un pubblico ministero tedesco amplificate a dismisura dai soliti tabloid britannici che da 14 anni seguono il caso McCann con regolarità.

La scomparsa di Maddie McCann e Christian Brueckner

Non è questione di giorni, ma "di mesi", si augurava qualche tempo fa il pubblico ministero tedesco Hans Wolters, che aveva fatto un appello a nuovi testimoni perché si facessero avanti. Maddie quest'anno compirebbe 18 anni. Christian Brueckner è da anni in carcere in Germania per scontare una condanna a 7 anni di carcere per stupro e traffico di stupefacenti. Servirebbero nuove prove e nuove testimonianze. "Abbiamo trovato molti più pezzi del puzzle, ma non posso rivelare quali sono", avrebbe affermato il pubblico ministero Hans Christian Wolters al Mirror. Christian Bruckner non è stato mai interrogato sulla scomparsa di McCann. Di fronte alle critiche per il tempo impiegato dalla sua indagine, Hans Christian Wolters ha affermato che il suo team è "soddisfatto" dei progressi compiuti finora e di aver ricevuto "suggerimenti molto interessanti". Parole che però non hanno portato ad oggi alcuna vera svolta nell'inchiesta. Alla domanda su quando Brueckner sarà interrogato, il pubblico ministero ha detto: “Alla fine delle indagini. Quando avremo completato le nostre indagini, informeremo il pubblico sul risultato e poi anche su ulteriori dettagli".

Brueckner all'epoca viveva in un camper vicino a Praia da Luz

La famiglia di Madeleine, che le ha reso omaggio all'inizio di quest'anno in quello che sarebbe stato il suo diciottesimo compleanno, spera ancora che sia viva e che un giorno tornerà a casa. Brueckner, un pedofilo già condannato, viveva in un camper vicino a Praia da Luz quando Madeleine è scomparsa. La polizia tedesca e britannica è venuta a conoscenza di lui come potenziale sospetto nel 2017, ma ha reso pubbliche le informazioni solo a giugno 2020L'anno scorso, gli investigatori hanno rivelato che la notte in cui Madeleine è scomparsa, il suo cellulare è stato individuato vicino al resort dove si trovava la famiglia McCann. Non è mai stato scoperto chi avrebbe chiamato Brueckner quella notte. In passato è stato condannato per aver violentato una donna irlandese nel suo appartamento in Algarve nel 2004. Era stato arrestato nel 2018 in Italia con un mandato di cattura internazionale per lo stupro. Il suo nome sarebbe finito anche dentro alcune inchieste sulla scomparsa di altri bambini, oltre a Madeleine.

Madeleine Beth McCann, di Leicester, era in vacanza con i genitori, Kate Healy McCann e Gerry McCann, entrambi medici, il fratellino Sean e la sorellina Amelie gemelli di due anni. Dal momento in cui la madre si accorse che era scomparsa dal lettino in cui stava dormendo, con i fratellini a pochi metri da lei, mentre i genitori stavano cenando con un gruppo di amici nel tapas bar della struttura a poche decine di metri dall'appartamento, di lei non si è avuta più alcuna notizia. Ci sono stati numerosi presunti avvistamenti, non confermati, di Madeleine, in Portogallo e in altri paesi. Robert Murat, un residente di Praia da Luz, e i coniugi McCann, su cui erano emersi sospetti nelle prime fasi delle indagini, sono stati completamente scagionati. Sui McCann i tabloid britannici avevano riversato valanghe di dubbi. Nel 2008 il Daily Express e il Daily Star hanno pubblicato scuse in prima pagina e hanno accettato di pagare ai McCann 550.000 sterline per risarcimento danni. Una delle ipotesi su cui gli inquirenti tedeschi e inglesi hanno lavorato è che Brueckner fosse entrato nella stanza d’albergo per un furto ma avrebbe deciso poi di portare via la bambina. Ma la svolta, per ora, non c'è.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La scomparsa di Maddie McCann e la svolta "entro pochi mesi": come stanno le cose

Today è in caricamento