Sabato, 23 Ottobre 2021
Mondo

Europa in ginocchio per la tempesta Friederike: morti e trasporti in tilt

Il bilancio al momento parla di 11 vittime: otto in Germania, due in Olanda e uno in Belgio. Molti i disagi per i cittadini, con aerei e treni sospeso e migliaia di abitazioni rimaste senza corrente

I venti fino a 200 chilometri orari portati sul Nord Europa dalla tempesta Friederike continuano a provocare morte e disagi. Dall'Olanda al Belgio, dalla Germania alla Gran Bretagna, alla Francia: al momento il bilancio parla di 10 morti complessivi, senza contare le decina di feriti e gli ingenti danni. Poi c'è il capitolo trasporti, con gli aeroporti in tilt e il traffico ferroviario e quello autostradale è messo a dura prova, mentre i disagi continuano ad aumentare

Olanda, sospesi voli e treni

Nei Paesi Bassi sono stati registrati due morti e un ferito, tutti provocato dalla caduta di rami sradicati dal forte vento. Lo scalo Schiphol di Amsterdam già in mattinata aveva sospeso tutti i voli, mentre le ferrovie nazionali hanno fermato i treni. Le forti raffiche hanno danneggiato la sede di Europol all'Aja, mentre il traffico automobilistico è rimasto interrotto a lungo verso la città portuale di Rotterdam, sia da Amsterdam che dall'Aja. Secondo le autorità olandesi i danni superano il milione di euro. 

Belgio, morta una donna

Una donna è morta a Bruxelles, in Belgio, schiacciata nell'abitacolo della sua auto per la caduta di un albero. Ad Anversa si registrano invece quattro feriti, di cui una donna in condizioni gravissime dopo esser stata colpita alla testa da una lastra di metallo. Anche in Belgio la circolazione è messa a dura prova dalle condizioni meteo: i treni ad alta velocità Thalys verso Olanda e Germania sono stati sospesi.

Germania, bilancio drammatico

In Germania l'uragano Friederike ha provocato la morte di otto persone, di cui due vigili del fuoco impegnati nei soccorsi. La compagnia ferroviaria Deutsche Bahn “ha sospeso tutto il traffico sulle linee principali”, ha dichiarato uno dei suoi portavoce alla France Presse, aggiungendo che il provvedimento dovrebbe durare “almeno tutta la giornata”.  Il tetto di una scuola dove si trovavano ancora dei bambini è stato sradicato da una raffica in Turingia, nell’est, senza fortunatamente provocare feriti. Nel massiccio montuoso di Hartz – nel centro del Paese – sono state segnalate raffiche superiori a 203 chilometri orari, mai viste nel Paese.

Gran Bretagna, 50mila case senza corrente

Il maltempo nona risparmiato nemmeno il Regno Unito: la bufera che ha messo in ginocchio mezza Europa ha colpito in maniera particolare la zona orientale della Gran Bretagna, con danni e disagi in Inghilterra e Galles e Scozia, con quest'ultima che si trova a dover fronteggiare anche l'emergenza neve. In totale si contano quasi 50.000 case senza corrente elettrica, con alcuni comunità rurali isolate, oltre ad alberi abbattuti, case e veicoli danneggiati, capannoni scoperchiati. Diverse linee ferroviarie sono state interrotte, mentre la autorità britanniche raccomandano cautela per gli automobilisti in viaggio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Europa in ginocchio per la tempesta Friederike: morti e trasporti in tilt

Today è in caricamento