rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Caso marò

"I marò sono vittime delle loro azioni criminali"

Per capire il clima che si respira in India sul caso dei due militari italiani, ecco le parole del premier dello stato del Kerala. De Mistura ricevuto dal ministro degli Esteri a New Delhi

Continua a essere altissima la tesione sul fronte dei due marò. I due fucilieri italiani accusati in India di aver ucciso due pescatori a largo delle coste di Kochi "non sono vittime della politica o delle emozioni del Kerala ma piuttosto delle loro stesse azioni criminali". E' quanto ha detto il premier dello stato del Kerala, Oommen Chandy, intervistato dall'emittente Ndtv, ribadendo che la sua convinzione che l'Italia non ha nessuna giurisdiazione sul caso.

"Il processo deve essere in India perchè hanno sparato a due pescatori indiani su una barca indiana, non c'e' alcuna ragione per cui l'Italia debba processare i due marines", ha detto.

DE MISTURA A NEW DELHI - Il sottosegretario agli Esteri Staffan de Mistura è stato ricevuto oggi a New Delhi dal ministro indiano degli Esteri Salman Khurshid. Lo ha appreso l'Ansa da fonti dell'ambasciata d'Italia di New Delhi. Si tratta del secondo incontro da quando De Mistura è giunto India per accompagnare i due marò venerdi scorso al termine del loro permesso.

L'incontro con il ministro degli Esteri indiano "è stato molto importante". Lo ha assicurato al termine del colloquio a New Delhi il sottosegretario agli Esteri Staffan de Mistura. "Ci siamo parlati - ha sottolineato all'Ansa - per un'ora e un quarto". A quanto si è appreso domattina De Mistura rientrerà a Roma per consultazioni per poi successivamente ritornare in India dopo le festività pasquali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"I marò sono vittime delle loro azioni criminali"

Today è in caricamento