rotate-mobile
Giovedì, 6 Ottobre 2022
OLANDA / Paesi Bassi

Colonia umana su Marte dal 2023: in migliaia si candidano per partire

Il progetto di una società olandese è sponsorizzato anche da alcuni Premi Nobel. "Non è previsto il ritorno"

Una colonia umana su Marte? C'è chi ci sta lavorando e sta investendo forte sul progetto.

Pochi mesi prima di morire, Carl Sagan registrò un messaggio di speranza per gli aspiranti esploratori di Marte, dicendo loro: "Qualunque sia la ragione per cui siete su Marte, sono contento che ci siate. E vorrei essere lì con voi". 17 anni dopo le parole dell'astronomo, pronunciate nel 1996, una società olandese propone di trasformare i sogni di Sagan di raggiungere Marte in realtà. L'azienda, Mars One, prevede di inviare quattro astronauti in viaggio verso il pianeta rosso per fondare una colonia umana nel 2023. Ma ci sono un paio di importanti questioni da affrontare per i futuri esploratori dello spazio. E' il Guardian a raccontare questa storia che, nonostante abbia caratteristiche da romanzo fantascientifico, è tutta vera.

In primo luogo, su Marte i corpi degli uomini dovranno adattarsi alla gravità, che su Marte è del 38% rispetto alla nostra. Per fare un esempio, un oggetto che sulla Terra pesasse 100 chili, su Marte ne peserebbe 38. E'chiaro che ciò potrebbe causare un cambiamento totale fisiologico nella loro densità ossea, nella forza muscolare e nella circolazione sanguigna. In secondo luogo dovranno dire addio a tutti i loro familiari e amici, poiché l'accordo non include il biglietto di ritorno.

Il sito di Mars One afferma che un ritorno "non può essere previsto". Per tornare, avrebbero bisogno di un razzo in grado di sfuggire al campo gravitazionale di Marte, dei sistemi di supporto alla vita di bordo in grado di reggere per un viaggio di sette mesi e caratteristiche tecniche molto avanzate

10MILA CANDIDATI - Il progetto ha già ricevuto 10.000 candidature, secondo il direttore medico della società, Norbert Kraft. Quando la ricerca ufficiale inizierà oggi all'Hotel Pennsylvania a New York, si prevede che decine di migliaia di altri aspiranti si presenteranno. Kraft ha detto al Guardian che i candidati hanno un'età compresa tra 18 e almeno 62 e, anche se ci sono alcune donne, la maggior parte sono uomini. Le ragioni che spingono gli aspiranti esploratori a voler andare su Marte sono diverse.

Una donna americana di nome Cynthia, 32 anni, ha detto alla società che è un sogno d'infanzia per lei andare su Marte. Ha descritto un viaggio in cui sua madre l'aveva portata con sé  nei primi anni '90, fino a una conferenza presso l'Università del Wisconsin. Il professore che teneva l'incontro era Sagan, e lei gli aveva chiesto se pensava che l'uomo sarebbero arrivati su Marte. Cynthia ricorda: "Lui mi ha chiesto se volevo essere intrappolati in una 'scatola di latta di veicolo spaziale' per i due anni che ci vogliono per arrivarci. Ho detto sì, lui ha sorriso, e mi ha detto in tutta serietà, che sì, era assolutamente convinto che gli umani avrebbero raggiunto Marte nel corso della mia vita."

Ha poi aggiunto: "Quando ho sentito parlare del progetto Mars One ho pensato: questa è la mia occasione - che il mio sogno da bambina potrebbe diventare una realtà, e potrei essere uno dei pionieri, la costruzione del primo insediamento su Marte". Le caratteristiche ricercate da Mars One negli astronauti-coloni sono la resilienza, la capacità di adattamento, la curiosità, la capacità di fiducia e di intraprendenza, secondo Kraft. Devono essere anche maggiorenni.

PREMI NOBEL - Il Professor Gerard 't Hooft, vincitore del premio Nobel per la fisica teorica nel 1999 e docente di fisica teorica presso l'Università di Utrecht, in Olanda, è un ambasciatore del progetto. 'T Hooft ammette che ci sono rischi per la salute sconosciuti. La radiazione è "di natura molto diversa" rispetto a tutto ciò che è stato testato sulla Terra, ha detto alla BBC .

Fondata nel 2010 da Bas Lansdorp, un ingegnere, Mars One dice di aver messo a punto una road map realistica e un piano di finanziamento del progetto sulla base di tecnologie esistenti e che la missione è perfettamente fattibile. Il sito afferma che gli elementi di base necessari per la vita sono già presenti sul pianeta. Per esempio, l'acqua può essere estratta dal ghiaccio nel terreno e Marte ha fonti di azoto, l'elemento primario nell'aria che respiriamo. La colonia sarà alimentata da pannelli solari appositamente adattati, si dice.

PRIMI CONTRATTI - Nel mese di marzo, Mars One ha detto di aver firmato un contratto con la società americana Paragon Space Development Corporation per muovere i primi passi nello sviluppo del sistema di supporto vitale e di tute spaziali per la missione. Il progetto costerà una somma di vicina ai 6 miliardi di dollari, soldi che Lansdorp spera di ottenere in parte con la vendita dei diritti di trasmissione. "Il reddito ottenuto dalle Olimpiadi di Londra era quasi sufficiente a finanziare una missione su Marte", ha detto Lansdorp, in un'intervista con ABC News a marzo.

Un altro ambasciatore del progetto è Paul Römer, il co-creatore del Grande Fratello, uno dei primi reality show televisivi e uno dei più riusciti. Sul sito, Römer ha dato un'indicazione di come la trasmissione televisiva del progetto potrebbe procedere: "Questa missione su Marte può essere il più grande evento mediatico del mondo", ha detto Römer. "La realtà incontra il talent show "senza fine" e tutto il mondo resterà a guardare".

COLONIA UMANA PERMANENTE - L'obiettivo è di stabilire una colonia umana permanente, secondo il sito web della società . La prima squadra potrebbe atterrare sulla superficie di Marte nel 2023 per iniziare la costruzione della colonia, con un team di quattro nuovi astronauti in arrivo ogni due anni.

Il progetto è, ovviamente, ai limiti dell'impossibile. Sono state espresse preoccupazioni su come gli astronauti potrebbero raggiungere la superficie e stabilire una colonia in cui sia possibile vivere. Grandi sono le preoccupazioni per le conseguenze sulla salute per i candidati.

La dottoressa Veronica Bray, che lavora presso la University of Arizona e il laboratorio planetario, ha detto a BBC News che la Terra è stata protetta dai venti solari da un forte campo magnetico, senza la quale sarebbe difficile sopravvivere. La superficie di Marte è molto ostile alla vita. Non c'è acqua liquida, la pressione atmosferica è "praticamente un vuoto", i livelli di radiazione sono più alti e le temperature variano molto. Alti livelli di radiazioni possono portare ad un aumento del rischio di cancro, un sistema immunitario abbassato e possibilmente infertilità, ha detto. Per ridurre al minimo le radiazioni, il team del progetto coprirà le cupole che intendono costruire con diversi metri di terreno, che i coloni dovranno essi stessi scavare.

ISPIRAZIONE - La missione si augura di ispirare le generazioni a "credere che tutto è possibile, che tutto può essere raggiunto" così come è stato per le missioni Apollo. "Mars One crede che non è solo possibile, ma assolutamente necessario che noi stabiliamo un insediamento permanente su Marte, al fine di accelerare la nostra comprensione della formazione del sistema solare, l'origine della vita, e di pari importanza, il nostro posto nell'universo" dicono dalla società che promuove il progetto.

Fino a oggi il più lungo periodo trascorso nello spazio è 438 giorni, raggiunti da Valeri Polyakov, Russia, in un volo spaziale con equipaggio nel 1994. Ma la Mars One sul suo sito web afferma: "Mentre un cosmonauta a bordo della Mir era in grado di camminare al ritorno sulla Terra dopo 13 mesi in un ambiente senza peso, dopo un soggiorno prolungato su Marte il corpo umano non sarà in grado di adattarsi alla forza di gravità della Terra al momento del ritorno." "C'è un punto nel tempo dopo il quale il corpo umano sarà adattato al campo gravitazionale al 38% di Marte, e non sarà più in grado di ritornare alla gravità della Terra, molto più forte. Ciò è dovuto al cambiamento fisiologico totale nel corpo umano, che include la riduzione della densità ossea, la forza muscolare e la capacità del sistema circolatorio". Fonte: The Guardian

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colonia umana su Marte dal 2023: in migliaia si candidano per partire

Today è in caricamento