rotate-mobile
Giovedì, 11 Agosto 2022
proteste

Merkel visita i profughi, l'estrema destra la contesta: "Traditrice"

La visita della Cancelliera al centro di accoglienza di Heidenau dopo l'attacco neonazista, è stata accolta da alcune contestazioni dall'estrema destra. Intanto il dibattito su come l'Europa debba gestire "il flusso" continua: a parlare stavolta è il ministro degli Esteri Gentiloni

Fischi e contestazioni: alcuni esponenti dell'estrema destra tedesca hanno accolto così Angela Merkel, in visita al centro d'accoglienza per profughi di Heidenau dopo l'attacco neonazista. Molti tra i presenti hanno gridato "traditrice" alla cancelliera, protestando contro le recenti aperture sui migranti. 

VIDEO: LA PROTESTA DELL'ESTREMA DESTRA CONTRO LA MERKEL

In visita ai profughi anche il presidente tedesco Joachim Gauck, in un centro di accoglienza per richiedenti asilo a Berlino. Di fatto la Germania ha aperto i confini e sospeso i famosi accordi di Dublino, che obbliga i profughi a chiedere asilo nei paesi europei di arrivo. Aumentano però gli episodi d'intolleranza nel Paese: una  sede dell'Spd è stata evacuata per un allarme bomba (infondato) e collegato alle reazioni del partito ai tumulti dei neonazi ad Heidenau (Sassonia). Infine si allunga l'elenco degli agguati incendiari - di matrice estremista - alle strutture in via di allestimento per accogliere i profughi: l'ultima era una palestra del Brandeburgo, che è stata distrutta.

LA SOLUZIONE IN EUROPA - Intanto in Europa continua il dibattito istituzionale su come gestire questi nuovi flussi di profughi che scappano dalla guerra. A parlare questa volta è il nostro ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, che lo fa sulle pagine del "Corriere della Sera"

Chiedere a Grecia e Italia di fare i compiti a casa sull'immigrazione sarebbe come dire a Paesi colpiti da un'alluvione di accelerare la produzione di ombrelli. Basta con la convenzione di Dublino. I numeri e le dimensioni sono completamente cambiati. E' lora di condividere e modificare le regole dell'accoglienza senza dimenticare le cause profonde: guerre, povertà, dittature

Per questa ragione Gentiloni propone un diritto d'asilo europeo, canali di immigrazione legale verso l'Europa, un riequilibrio della distribuzione degli oneri tra i vari Paesi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Merkel visita i profughi, l'estrema destra la contesta: "Traditrice"

Today è in caricamento