Venerdì, 30 Luglio 2021
Malattie

Il dramma di Chloe: "Il primo ciclo mestruale mi è durato cinque anni"

Chloe Christos, 27 anni, australiana, soffre di un raro disturbo chiamato 'malattia di von Willebrand'. Ad Abc ha raccontato gli anni bui della sofferenza e come è riuscita a guarire

Foto Instagram

Chloe Christos aveva 14 anni quando ha avuto per la prima volta le mestruazioni. Da allora la sua vita non è stata più la stessa. La ragazza, oggi 27enne, ha raccontato ad Abc di aver subito perdite costanti per ben cinque anni.

"Mi sentivo diversa dalle altre ragazze e molto sola, parlarne mi imbarazzava molto". Per tutto il liceo Chloe ha sofferto di una grave anemia e ha 19 anni ha iniziato a sottoporsi a continue trasfusioni. Ma il livello di ferro nel suo sangue era ancora molto basso e in seguito ad analisi più approfondite ha scoperto di soffrire della malattia di von Willebrand, un difetto genetico che porta problemi alla coagulazione del sangue.

Per anni la sua vita è stata un inferno. La ragazza sveniva spesso e aveva sempre la pressione molto bassa: "Mi sono imbattuta in un sacco di gente, compresi alcuni medici, che non si rendevano conto di cosa possa significare per una donna soffrire di un disturbo simile". Le ha provate tutte Chloe, ma la malattia non passava. Alcuni farmaci la facevano stare meglio per alcune ore, ma poi la malattia tornava. Con effetti collaterali devastanti. 

"E’ stato terribile, per molti periodi preferivo non uscire di casa per non finire al pronto soccorso". Ad Abc ha detto che le è stato perfino consigliato un intervento di isterectomia, ovvero l’asportazione dell’utero. "Non sapevo se avrei mai avuto bambini, ma non volevo rinunciare ad essere donna già a questa età". Alla fine ha vinto lei. Da poco ha iniziato a curarsi con un medicinale usato da chi soffre di emofilia: "Ricordo il giorno in cui ho iniziato questo trattamento, non mi sentivo così bene da anni".

Per la prima volta nella sua vita Chloe ha avuto un ciclo mestruale regolare e ora sta cercando di riprendersi la sua vita. Dalla sua pagina Facebook ha lanciato anche un appello a tutte le donne: "Grazie per aver condiviso la mia intervista. Spero di raggiungere più persone possibili per aiutare le ragazze che soffrono della mia malattia ad ottenere le cure adeguate". 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il dramma di Chloe: "Il primo ciclo mestruale mi è durato cinque anni"

Today è in caricamento