Così il Niger fa(rà) il lavoro sporco per l'Europa: "Ma i migranti non si fermeranno"

"Il piano dell'Unione Europea con la linea dura sui migranti aiuta i terroristi". Lo spiega un attivista Nigerino all'agenzia Dire: "Duemila migranti sono ad Agadez pronti a tutto per arrivare in Ue". Così si vive nell'Africa degli uomini senza diritti

L'incontro tra il presidente del consiglio Giuseppe Conte con il presidente del Niger Mahamadou Issoufou a Palazzo Chigi lo scorso 19 Giugno 2018. ANSA/GIUSEPPE LAMI

In Niger le politiche migratorie intraprese sotto la pressione delle istituzioni europee "hanno contribuito a destabilizzare il fragile equilibrio sociale che vivono alcune regioni". A sottolinearlo in un'intervista scritta rilasciata all'agenzia 'Dire' è Hassane Boukar, animatore dell'associazione locale Alternative Espace Citoyen.

"Dal momento che la migrazione era, fino al passato recente, una fonte importante di reddito per la regione - sottolinea Boukar - la sua criminalizzazione lascia senza lavoro numerosi giovani che diventano preda facile per venditori di illusioni d'ogni tipo, compresi terroristi e islamisti".

In particolare, Boukar risponde a una domanda sulla possibilità, ventilata la settimana scorsa dal Consiglio europeo, di istituire centri per la valutazione delle domande di asilo.

Duemila migranti da Agadez verso l'Europa

L'attivista si riferisce in particolare all'area di Agadez e parla dei migranti che hanno raggiunto in massa la città nigerina, spinti da voci diffuse negli ultimi mesi secondo cui la Francia starebbe già selezionando le richieste d'asilo sul posto e garantirebbe passaggi sicuri verso l'Europa. "La presenza, per una durata più lunga del normale, di migranti che si riversano in città con la speranza di essere selezionati - scrive Boukar - crea conflitti con gli abitanti locali, come nel caso dei sudanesi".

Negli ultimi mesi ad Agadez ne sarebbero arrivati circa 2mila, ha riferito nel fine-settimana il quotidiano inglese 'The Guardian', in un articolo che solleva ombre sull'ipotesi europea di valutare le domande d'asilo in Paesi terzi, ipotesi ventilata ancora oggi dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani che rilancia gli hotspot in Africa.

"Io credo che bisogna fermare i flussi migratori in Libia - spiega Tajani al Gr 1 Rai - ecco perché nei prossimi giorni sarò a Tripoli e poi mi recherò nel Niger proprio per cercare di dare un contributo a una soluzione europea del problema migrazione". 

In Niger il "lavoro sporco" dell'Europa

Secondo Boukar, "l'approccio totalmente sicuritario che si osserva qui, dove anche la migrazione è confusa con un problema di sicurezza, è un pretesto per portare ostacoli alla libera circolazione un po' ovunque nella zona del Sahel".

"Il Niger ha già dimostrato di essere pronto a fare il lavoro sporco per l'Europa - continua l'attivista - ma questo non risolverà niente per i migranti determinati a sfuggire alle loro condizioni di vita".

"L'Europa vuole sollevarsi dall'obbligo di affrontare l'arrivo dei migranti nei loro Paesi. Subappaltano la questione a Paesi africani, che potranno occuparsene solo a costo di enormi violazioni dei diritti dei migranti, spesso lontano da telecamere e ong".

Fonte agenzia Dire

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Reddito di cittadinanza? No, grazie. La geniale trovata di Carlo per non lavorare

  • Temptation Island Vip 2019: puntate, coppie e tutte le anticipazioni

  • SuperEnalotto, estratto il 6 da 66 milioni di euro. I numeri vincenti e le combinazioni di Lotto e 10eLotto

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto di giovedì 12 settembre 2019: i numeri vincenti

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto di oggi sabato 14 settembre 2019: i numeri vincenti

  • Oroscopo Paolo Fox, la classifica della settimana dal 16 al 22 settembre 2019

Torna su
Today è in caricamento