rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
CUBA / Cuba

Cuba, il dopo Castro adesso ha un nome: Miguel Diaz-Canel

L'astro nascente della politica cubana è Miguel Díaz-Canel, ora a un passo dal vertice del potere. Ha fatto più carriera di qualsiasi altro funzionario cubano che non abbia partecipato direttamente alla rivoluzione

Raul Castro ha annunciato domenica che si dimetterà da presidente di Cuba nel 2018, dopo un ultimo mandato di cinque anni. Per la prima volta c'è una data sulla fine dell'era Castro.

L'astro nascente della politica cubana è Miguel Díaz-Canel. Il 52enne Diaz-Canel è ora a un passo dal vertice del potere. Ha fatto più carriera di qualsiasi altro funzionario cubano che non abbia partecipato direttamente alla rivoluzione di fine anni cinquanta sull'isola.

"Questo sarà il mio ultimo mandato", ha detto Castro. Nel suo discorso di 35 minuti, ha accennato ad altre modifiche alla Costituzione, alcuni così drastiche che dovranno essere ratificate dal popolo cubano in un referendum. Inoltre ha smentito qualsiasi voce sul fatto che il paese avrebbe presto abbandonato il socialismo, dicendo che non aveva assunto la presidenza per distruggere il sistema cubano. "Non sono stato scelto per essere il presidente che restaura il capitalismo a Cuba", ha detto. "Sono stato eletto per difendere il socialismo, non per distruggerlo."

Cuba è in un momento di "cambiamenti storici" ha detto Castro ai deputati, parlando della sua decisione di nominare Diaz-Canel come suo vice, in sostituzione dell'81enne José Ramón Machado Ventura, che aveva combattuto con i Castro sulla Sierra Maestra. Castro ha detto che la promozione Diaz-Canel "rappresenta un passo definitivo nella configurazione della futura leadership della nazione attraverso il trasferimento graduale e ordinato dei ruoli chiave alle nuove generazioni."Da quando ha ricevuto la guida del paese da Fidel nel 2006, Castro ha istituito una lista di importanti cambiamenti economici e sociali, l'espansione delle imprese private, la legalizzazione di un mercato immobiliare e ha allentato le odiate restrizioni di viaggio.

LE RIFORME A CUBA: LUCI E OMBRE

Eppure, il paese rimane governato dal partito comunista e a ogni opposizione manca il riconoscimento legale. Se manterrà la sua parola, Castro lascerà l'incarico entro e non oltre il 2018. Esuli cubano-americani negli Stati Uniti hanno aspettato decenni la fine dell'era Castro, ma nessuno sa immaginare davvero cosa sarà di Cuba senza i Castro.

Tuttavia, la promessa di un cambio al vertice potrebbe avere un profondo impatto sui rapporti tra Stati Uniti e Cuba. L'embargo economico, che dura da 51 anni, non può terminare finché uno dei Castro resterà in carica.

Gli analisti avevano ipotizzato che i Castro avrebbero spinto un membro più giovane della loro famiglia a una posizione di potere, ma domenica non c'è stata alcuna traccia di ciò.  Le voci che vogliono Diaz-Cane in prima fila per un posto di alto livello sono cresciute a dismisura.

Gallery

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cuba, il dopo Castro adesso ha un nome: Miguel Diaz-Canel

Today è in caricamento