rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Belgorod / Russia

Chi sono i miliziani russi che dall'Ucraina hanno attaccato la Russia

Diversi gruppi di oppositori di Putin hanno da tempo preso le armi e stanno combattendo al fianco di Kiev. Sono loro a condurre anche delle incursioni nei territori della Federazione per provare a rovesciare il Cremlino

La Russia ha subito un attacco notturno nel suo stesso territorio. Alcuni miliziani hanno temporaneamente preso il controllo di alcune zone del distretto di Grajvoronskij, nella regione di Belgorod, prima di essere respinti di nuovo oltre il confine, anche se sembra che alcuni combattimenti siano ancora in corso. Mykhailo Podolyak, un alto consigliere del presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha immediatamente precisato che Kiev "non ha nulla a che fare" con l'operazione, sostenendo che si è trattato dell'opera di "gruppi di guerriglieri clandestini che sono composti da cittadini russi".

Il portavoce dell'intelligence militare ucraina, AndriyYusov, ha sostenuto che la legione Libertà alla Russia e il Corpo Volontario Russo (Rdk) sarebbero i responsabili dell'incursione. "La responsabilità di questi eventi è stata assunta da cittadini della Russia, in particolare dall'Rdk e dalla Legione 'Libertà alla Russia'", ha dichiarato. "Penso che tutti noi possiamo solo accogliere con favore le azioni decisive dei cittadini russi di opposizione, che sono pronti per una lotta armata contro il regime criminale di Vladimir Putin".

E lo stesso Rdk, che combatte dalla parte dell'Ucraina, ha rivendicato l'attacco, pubblicando sul suo canale Telegram tre video, apparentemente girati con visori notturni, in cui mostra i propri uomini sullo sfondo di cartelli stradali a Lyubimovka, Bezlyudovka e Churovichi negli obalst russi di Bryansk e Belgorod. "È ora di porre fine alla dittatura del Cremlino", ha dichiarato il portavoce del gruppo, un personaggio identificato dalla stampa come un ex neonazista russo passato dalla parte dell'Ucraina nel 2014. Il messaggio si rivolgeva anche ai russi delle regioni al confine con l'Ucraina: "State in casa, non resistete, non abbiate paura. Diversamente dagli zombie di Putin non facciamo del male ai civili e non li usiamo per i nostri scopi". Il fatto che si tratti di cittadini russi è fondamentale perché un qualsiasi attacco a territori della federazione fatto dall'esercito di Kiev, armato con armi occidentali, potrebbe essere il casus belli per una pericolosa estensione del conflitto.

Chi sono i russi anti-Putin che combattono per difendere l'Ucraina

Dall'inizio dell'invasione dell'Ucraina, diversi gruppi, che si dice siano composti da russi che si oppongono al Cremlino, hanno preso le armi, rivendicando operazioni di vario tipo, da atti di sabotaggio contro le infrastrutture all'assassinio di personaggi di alto profilo. Il più importante è il Corpo Volontario Russo (Rdk), creato nell'agosto del 2022 dall'ideologo di estrema destra moscovita, l'ex hooligan Denis Kapustin, noto anche come Denis Nikitin o con il nome di battaglia White Rex. La milizia è balzata per la prima volta agli onori delle cronache internazionali lo scorso marzo, quando ha rivendicato un'incursione transfrontaliera in due villaggi della provincia occidentale russa di Bryansk che, secondo i rapporti ufficiali russi, avrebbe portato alla morte di due civili e al ferimento di altri due. Utilizzando una sofisticata presenza sui social media, il gruppo ha pubblicato video dall'interno del territorio russo per sostenere le sue rivendicazioni. Giorni dopo l'operazione di marzo, il Servizio di sicurezza federale russo (Fsb) ha accusato l'Rdk di aver orchestrato un tentativo di assassinio contro l'importante uomo d'affari russo Konstantin Malofeev.

La milizia sembra interessata ad espandersi e il 7 aprile ha anche promosso la formazione di un nuovo gruppo che si fa chiamare Corpo Volontario Polacco, utilizzando immagini simili a quelle del Rdk, compreso un logo con lettere cirilliche. Nikitin si è spesso descritto come un nazionalista che combatte per una Russia che appartenga all'etnia russa. L'uomo, poco più che trentenne, ha organizzato tornei di arti marziali miste di estrema destra ed è stato coinvolto nei movimenti hooligan di calcio russi e tedeschi, cosa per la quale gli è stato in passato tolto il permesso di soggiorno in Germania. Il leader del gruppo ha anche lanciato il suo marchio di abbigliamento, White Rex, con il logo del Sole Nero, utilizzato dai gruppi neonazisti.

La Legione della Libertà alla Russia, formatasi settimane dopo l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia nel febbraio 2022, mira invece a "liberare la Russia dal Putinismo" e a "proteggere gli ucraini dai veri fascisti". Al posto del tricolore russo, la legione usa la bandiera bianco-azzurro-bianca nei distintivi sulla manica, una bandiera che in Patria è diventata un simbolo dell'opposizione a Putin. I suoi membri sono principalmente disertori delle Forze armate russe e volontari russi e bielorussi senza precedenti militari. Secondo i suoi portavoce avrebbero fino a 4mila uomini.

Il manifesto della legione sostiene che i suoi combattenti "portano i valori dell'Uomo Libero della Nuova Russia - libertà di parola, libertà di espressione, libertà di scegliere il proprio futuro", e i loro obiettivi principali sono il rovesciamento del regime di Putin e la "lotta per la Nuova Russia". L'organizzazione è stata dichiarata terroristica dalla Corte Suprema russa a marzo. Uno dei suoi portavoce è Ilya Ponomarev, un politico russo in esilio. Ponomarev è stato l'unico deputato russo a votare contro l'annessione della Crimea alla Federazione nel 2014 e l'anno successivo è stato accusato di appropriazione indebita, un'accusa che considera politicamente motivata.

"Il movimento di liberazione russo può diventare qualcosa che contribuirà alla giusta fine della guerra in Ucraina e accelererà significativamente l'inizio di eventi di trasformazione nell'élite politica russa", ha detto Mykhailo Podolyak, il consigliere di Zelensky. "Il movimento di resistenza violenta russo, i cui architetti sono esclusivamente cittadini della Russia stessa, sta gradualmente uscendo dalla clandestinità. Sono indipendenti nelle loro decisioni, hanno una certa esperienza e sono liberi dalla paura", ha aggiunto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chi sono i miliziani russi che dall'Ucraina hanno attaccato la Russia

Today è in caricamento