Lunedì, 25 Ottobre 2021
Grandi manovre / Corea del Nord

Il nuovo missile ipersonico di Kim Jong-un

Pyongyang ha annunciato ufficialmente al mondo di aver sperimentato con successo un razzo ipersonico planante. Kim Jong Un apparentemente sta tornando al caro vecchio schema: alternare dimostrazioni di nuove armi ad aperture di pace, per strappare concessioni. Ma è anche un messaggio interno al suo popolo in una fase delicatissima

La Corea del Nord ha annunciato al mondo, attraverso i suoi media di stato, di aver sperimentato con successo un razzo ipersonico planante. Il lancio delle scorse ore "ha dimostrato che tutte le specifiche tecniche soddisfacevano i requisiti di progettazione", ha spiegato la Korean Central News Agency aggiungendo che era di "grande significato strategico" poiché la Corea del Nord sta cercando di aumentare le sue capacità di difesa "in ogni modo". Il presidente sudcoreano, Moon Jae-In, ha chiesto una "analisi completa" sull'ultimo test di un missile ipersonico fatto dalla Corea del Nord.

Da Pyongyang definiscono il nuovo missile "un'arma strategica", il che di solito significa che ha capacità nucleari. Ma non ci sono conferme.

Che cos'è un missile ipersonico

Il lancio del missile, battezzato Hwasong-8, è stato effettuato dall'Accademia delle Scienze della Difesa di Toyang-ri, provincia di Chagang, nel nord del Paese, sebbene in assenza del leader nordcoreano, sempre secondo l'agenzia di stato Kcna. Nonostante sia una tecnologia attualmente sottosviluppata e pochissimi Paesi ne abbiano operativi, i missili ipersonici sono quelli che tecnicamente quando volano rompono la barriera del suono almeno cinque volte - supererebbero i 6mila chilometri orari, in tal caso sarebbero impossibili da intercettare. Sarebbe un'importante svolta tecnologica, se ciò sarà confermato.

Il test, effettuato dalla provincia di Jagang, nel nord del Paese, "ha confermato il controllo della navigazione e la stabilità del missile", nonché "la manovrabilità del suo sistema di guida e le caratteristiche di planata della 'testata ipersonica distaccata'", ha spiegato la Kcna. Il giornale ufficiale Rodong Sinmun ha pubblicato una foto del missile, dotato di una serie di alette guida, che si alzava nel cielo mattutino.

Cosa c'è dietro l'impressionante dimagrimento di Kim Jong Un

Cosa significa il nuovo lancio

Il lancio di martedì è una chiara indicazione della crescente tecnologia delle armi di Pyongyang, che fa i conti con severe sanzioni internazionali. L'ultimo lancio è stato il terzo test missilistico del paese questo mese. Il 15 settembre la Corea del Nord ha lanciato due missili balistici nelle acque del Mar del Giappone. Secondo le informazioni divulgate dalla Difesa di Seul, i missili sono stati lanciati da una località interna del territorio nordcoreano, e dopo aver sorvolato il Mar del Giappone si sono inabissati vicino alla Zona economica esclusiva del Giappone.

Secondo gli esperti è difficile valutare le "capacità precise" del missile, ma è lecito ipotizzare "una sfida molto diversa per la difesa missilistica rispetto ai tradizionali missili balistici", dice Ankit Panda, Stanton Senior Fellow presso il Carnegie Endowment for International Peace. La nuova arma ha visto anche la Corea del Nord introdurre per la prima volta un contenitore-ampolla di carburante per missili, descritta come una "pietra miliare significativa" da Panda. Secondo il Korea Times, il contenitore-ampolla di carburante per missili "ridurrebbe i tempi di preparazione per il lancio di un missile e renderebbe l'arma pronta per l'uso quasi alla velocità di un missile a combustibile solido, rispetto ai missili convenzionali che necessitano di iniezione di carburante prima di sparare".

Il leader nordcoreano Kim Jong-un aveva dichiarato in un precedente incontro a gennaio che gli scienziati avevano "finito la ricerca" sullo sviluppo di testate plananti ipersoniche. Il test di martedì è stato il primo per questo nuovo sistema. E' senz'altro la dimostrazione che le ambizioni missilistiche di Kim sono più vive che mai. I recenti test della Corea del Nord - questo è stato il terzo sparato solo questo mese - indicano che sta intensificando il suo programma di armi.

La Corea del Nord conduce test missilistici da crociera a lungo raggio, come illustrato in questa combinazione di foto non datate fornite dalla Korea Central News Agency (KCNA) il 13 settembre 2021:

_120528058_070574940-2-2


Gli Stati Uniti hanno chiesto alla Corea del Nord di rinunciare alle sue armi nucleari e il rapporto di Pyongyang con l'amministrazione del presidente Joe Biden è stato finora all'insegna della tensione. Ad agosto l'agenzia atomica delle Nazioni Unite ha affermato che la Corea del Nord sembra aver riavviato un reattore che potrebbe produrre plutonio per armi nucleari, definendolo uno sviluppo "profondamente preoccupante.

La Corea del Nord è colpita da molteplici sanzioni internazionali per le sue armi nucleari vietate e i suoi programmi di missili balistici. Nonostante ciò nell'ultimo mese ha moltiplicato i suoi test missilistici. Lo sviluppo del missile ipersonico è uno dei cinque compiti "prioritari" del piano quinquennale di armi strategiche. Intanto anche la Corea del Sud ha accelerato in quella che sembra a tutti gli effetti una corsa agli armamenti nella penisola divisa.

Seul sta spendendo miliardi di dollari per il suo sviluppo militare: sempre questo mese ha portato a termine il primo lancio di prova di un missile balistico lanciato da sottomarino (Slbm), rendendo il Paese una delle poche nazioni ad avere questa tecnologia avanzata. 

I negoziati tra Nord e Sud sono in stallo

Parlare di pace in questo scenario è una scommessa, ma è quel che sottotraccia stanno tentando di fare i leader dei due Paesi. Lo scorso fine settimana la sorella del leader nordcoreano, Kim Yo-jong, ha dichiarato che Pyongyang potrebbe acconsentire a dichiarare la formale conclusione della Guerra di Corea (1950-1953) come recentemente suggerito dal presidente sudcoreano Moon Jae-in e discutere l'organizzazione di un nuovo summit inter-coreano, a patto che la Corea del Sud rinunci a tutte le "politiche ostili" nei confronti del Nord. Tecnicamente Corea del Sud e Corea del Nord sono ancora in guerra: non è mai stato raggiunto un accordo di pace alla fine della guerra nel 1953.

Il presidente della Corea del Sud, Moon Jae-in, è tornato a proporre che le due Coree, assieme a Stati Uniti e Cina, proclamino formalmente la conclusione della Guerra di Corea come incentivo a rilanciare il dialogo per la denuclearizzazione della Penisola. Sarebbe un momento storico, ma non sembra essere dietro l'angolo. La Corea del Nord chiede che vengano soddisfatte determinate condizioni che il Sud non potrebbe a oggi mai accettare. 

Kim Jong Un apparentemente sta tornando al caro vecchio schema: alternare dimostrazioni di nuove armi ad aperture di pace, per strappare concessioni, anche minime. Ma le esibizioni di armi della Corea del Nord potrebbero anche mirare a rafforzare soprattutto l'unità interna del regime, proprio mentre Kim Jong Un affronta forse il suo momento più difficile da quando è al potere (dieci anni), con le chiusure delle frontiere pandemiche che hanno duramente colpito un'economia già martoriata.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il nuovo missile ipersonico di Kim Jong-un

Today è in caricamento