rotate-mobile
Domenica, 3 Luglio 2022
Alta tensione / Corea del Nord

I test missilistici di Kim Jong-un non spaventano Biden: "Siamo pronti a tutto"

Il presidente americano, nel suo viaggio in Asia, ha risposto a una domanda sul rischio che Pyongyang possa condurre nuove esercitazioni militari in questi giorni

"Siamo preparati a tutto ciò che potrebbe fare la Corea del Nord. Abbiamo pensato a come risponderemmo a qualunque cosa possa fare. Quindi non sono preoccupato". Così il presidente americano Joe Biden ha risposto a una domanda della Cnn sul rischio che Pyongyang possa condurre test missilistici durante il suo viaggio in Asia. A un'altra domanda se avesse un messaggio per il leader nordcoreano Kim Jong-un, Biden non ha risposto. Nella sua visita a Seul di ieri, Joe Biden ha detto che non esclude un potenziale incontro con Kim Jong-un: un meeting dipenderebbe dalla "sincerità e serietà" del leader nordcoreano.

Biden, nella sua prima missione in Asia da presidente in Corea del Sud e Giappone ("la relazione tra i tre partner è di importanza critica", ha precisato), ha l'obiettivo di rafforzare i legami economici e di sicurezza, puntando al contenimento della Cina. Gli Stati Uniti e la Corea del Sud hanno segnalato, soprattutto negli ultimi giorni, l'ipotesi di un test nucleare del Nord possibile in qualsiasi giorno, anche durante la visita di Biden nella regione. I due leader hanno annunciato che avrebbero preso in considerazione l'aumento delle esercitazioni militari congiunte, cosa sempre duramente criticata dalla Corea del Nord che le considera una prova generale di un attacco ai suoi danni.

"Abbiamo offerto vaccini contro il Covid-19 alla Corea del Nord, ma non abbiamo ricevuto risposta", ha detto Joe Biden. Usa e Corea del Sud "ribadiscono il comune obiettivo di denuclearizzazione completa della penisola coreana e convengono di rafforzare ulteriormente il coordinamento a tal fine". Hanno condiviso "l'opinione che il programma nucleare della Corea del Nord rappresenti una grave minaccia per la penisola coreana, l'Asia e il mondo". I due alleati hanno parlato dell'importanza di "preservare la pace e la stabilità nello stretto di Taiwan", un riferimento destinato a creare una dura reazione della Cina, che rivendica la sovranità sull'isola e che considera le vicende legate all'isola come "questioni interne".

Oggi, intanto, Biden si sposta dalla Corea del Sud al Giappone. Nella sua prima visita nel Paese del Sol Levante dall'inizio del suo mandato, il presidente americano discuterà con il premier nipponico Fumio Kishida di sicurezza, delle misure da adottare in funzione della guerra in corso in Ucraina, dello stato dell'economia e degli obiettivi comuni tra le superpotenze che riguardano i cambiamenti climatici, e anche di prospettive sul disarmo nucleare.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I test missilistici di Kim Jong-un non spaventano Biden: "Siamo pronti a tutto"

Today è in caricamento