Sabato, 19 Giugno 2021
TERRORISMO

Isis, parla la moglie del Califfo: "Ecco chi era mio marito"

A processo davanti ai giudici libanesi, una donna irachena ha confermato di essere stata sposata per un mese con il capo dello Stato Islamico, quando lui ancora non era diventato leader dell'Isis

È stata la moglie del leader dello Stato Islamico al Baghdadi per un mese l'irachena Sajda al Duleimi, rendendolo padre di una bambina di nome "Hajir", che in arabo significa "Emigra". A rivelarlo è la stessa donna, parlando per la prima volta davanti alla corte militare libanese che la sta processando per ingresso illegale nel Paese dei Cedri.

La donna che si fa chiamare "Um Omar" - la madre di Omar, in arabo, in riferimento al suo primogenito - e che appare di giovane età, è madre di quattro figli, nati da tre mariti. Il primo è stato un jihadista iracheno della provincia di al Anabr ucciso nel 2010 con il quale ha avuto due figli, Omar e Osama. Poi la donna ha sposato al Baghdadi dal quale ha avuto "Hajir", che oggi ha 6 anni. Infine l'attuale sposo, un palestinese di nome Kamal Mohammed Khalaf dal quale ha avuto il mese scorso una bimba nata in carcere.

La donna, di famiglia "jihadista" come afferma lei stessa, è comparsa davanti al giudice vestita in nero e con in braccio uno dei figli, cercando di evitare di parlare del fondatore del Califfato Islamico Abu Bakr al Baghdadi. All'insistenza del giudice, Sajda ha detto: "Io non ho sposato il 'Califfo' ma solo una persona irachena che si faceva chiamare Hisham Mohammed prima del divorzio", ovviamente deciso dall'ex marito, " un mese dopo le nozze". Tuttavia, la donna ha confermato davanti al giudice che l'uomo dal lei sposato era effettivamente "lo stesso visto in televisione, ma allora non si chiamava al Baghdadi".

Secondo il giornale libanese Assafir, il primo marito di Sajida era Falah Ismail al Jassim, un iracheno della provincia di al Anbar e leader del gruppo jihadista "Jeish al rashidin" ucciso nel 2010. Ucciso probabilmente in Siria anche il padre, dopo essere passato dall'Isis alla filiale siriana di al Qaida del Fronte al Nusra. Sembra che "tutte le sorelle e i fratelli" siano appartenenti a varie sigle della galassia della Jihad sunnita, come scrive sempre il foglio libanese. Nel dicembre 2014, Sajida, proveniente dalla Siria, era stata arrestata dalle forze di sicurezza libanesi per avere tentato di entrare in Libano con un documento falso. Ora l'ex moglie dell'uomo che ha fondato l'Isis afferma che la sua unica colpa sarebbe quella di "essere entrata in Libano clandestinamente".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Isis, parla la moglie del Califfo: "Ecco chi era mio marito"

Today è in caricamento