rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
Il summit di Roma

"Il 70% del mondo vaccinato entro la metà del 2022" e gli altri obiettivi del G20

La commissaria von der Leyen: "Riforma fiscale globale, lotta al virus, caro prezzi e impegno globale sul metano". Ecco il programma dei 'Grandi' in 4 pillole

Riforma fiscale globale, il 70% della popolazione mondiale vaccinata, lotta al caro energia e un forte impegno a ridurre le emissioni di metano almeno del 30% entro il 2030. 

Ecco gli ambiziosi obiettivi del G20 di Roma che - in una capitale blindata - riunirà i leader delle 20 maggiori economie mondiali il 30 e 31 ottobre. A fare il punto sul programma è stata la presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, in conferenza stampa a Bruxelles, prima di volare alla volta dell'Italia.

Al G20 di Roma "avremo una visione a 360 gradi sul mondo, ma mi concentro sui tre temi principali: come far terminare la pandemia di Covid-19, le questioni della ripresa economica globale e del cambiamento climatico", ha spiegato la numero uno dell'Ue, che ha definito "eccellente" la coperazione con Mario Draghi, ospite dell'evento. Ecco l'agenda dei 'Grandi' in quattro pillole.

Riforma fiscale globale entro il 2022

Il G20 discuterà dell'accordo sulla tassazione minima globale per le multinazionali, "concordando una riforma globale del fisco, un passo storico. Poi si tratta di attuarla: siamo pronti ad attuarla rapidamente", ha assicurato von der Leyen. "Faremo già una proposta nell'Ue prima di fine anno: ci aspettiamo che il sistema sia in vigore a livello globale entro il 2022".

von der Leyen - tweet-2

Il 70% della popolazione mondiale vaccinata a metà del prossimo anno

Capitolo Covid. I 20 leader mondiali si impegneranno "per avere il 70% della popolazione vaccinata contro il Covid entro metà del prossimo anno. E' un impegno ambizioso che sosteniamo", ha detto la presidente della Commissione, spiegando che l'Ue "produrrà 3,5 miliardi di dosi di vaccino contro il Covid nel 2022 e una buona parte di questi sarà destinata all'estero". Per aumentare le inoculazioni su scala globale, si punta a "un aumento della produzione manifatturiera nei Paesi in via di sviluppo, con un focus sulla tecnologia dell'Rna messaggero". L'obiettivo è portare quella tecnologia "nel continente africano".

Il nodo del caro prezzi

La crisi energetica tiene banco da settimane e non può non essere al centro del summit di Roma. "Discuteremo di come favorire la ripresa economica globale. Parleremo anche delle supply chain, dato che l'offerta fa fatica a tenere il passo della domanda, in rapida crescita. E credo che discuteremo di come i prezzi alti dell'energia, se persisteranno, possano costituire una minaccia per la ripresa globale", ha confermao von der Leyen.

Impegno mondiale sul metano

Infine, l'emergenza clima, in vista della Cop26 che prenderà il via a Glasgow alla fine della settimana. Le linee d'azione dei 'Grandi', conferma la numero uno della Commissione, si muovono su più direttrici: un impegno globale sul metano, un miliardo di euro per le foreste, il polmone della terra, innovazione e aiuti ai paesi in via di sviluppo.

 "Alla Cop 26 lancero' insieme al presidente Biden l'impegno globale per il metano con un l'obiettivo di riduzione del metano almeno del 30 per cento entro il 2030" perche' "il metano è il frutto piu' semplice da cogliere, ma causa un riscaldamento 8 volte superiore alla Co2. Quindi dobbiamo agire urgentemente", ha fatto sapere von der Leyen. "Finora 60 Paesi hanno aderito a questo impegno e incoraggeremo anche gli altri a farlo".

"Annuncerò anche un contributo di 1 miliardo di euro all'impegno globale per le foreste" perche' "le foreste sono i nostri migliori alleati nella lotta ai cambiamenti climatici e dobbiamo proteggerle". La "terza iniziativa riguarda l'innovazione che è la chiave contro il cambiamento climatico; passare a una economia circolare con procedure di produzione verde e un consumo piu' sostenibile".

Infine i Paesi più vulnerabili: per loro, per promuovere la "finanza climatica, la missione è riuscire a raccogliere 100 miliardi di dollari "già dall'anno prossimo" e non "dal 2023". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Il 70% del mondo vaccinato entro la metà del 2022" e gli altri obiettivi del G20

Today è in caricamento