rotate-mobile
Giovedì, 30 Maggio 2024
EGITTO / Egitto

Mohammed Morsi accusato di cospirazione con Hamas

Intanto il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, ha rivolto un invito all'esercito egiziano affinché rilasci il presidente deposto Mohamed Morsi

La Procura generale del Cairo ha chiesto la detenzione del deposto presidente Mohammed Morsi per dei presunti legami con l'organizzazione estremistica palestinese di Hamas che riguardano una serie di attacchi contro le forze di sicurezza e l'evasione dal carcere di Wadi Natrun, nel 2011.
Secondo quanto riporta l'agenzia ufficiale egiziana, la Mena, Morsi - che dal 3 luglio scorso si torva sotto al custodia dell'esercito in un luogo sconosciuto - è stato messo in detenzione per 15 giorni, mentre si concludono le inchieste sui reati di cui è accusato.
Il 23 giugno scorso un tribunale egiziano aveva accusato l'organizzazione estremista palestinese di Hamas e le milizie sciite libanesi di Hezbollah di essere coinvolti nell'evasione di numerosi prigionieri - fra i quali lo stesso Morsi - dal carcere, durante la rivolta contro il regime di Hosni Mubarak.
All'epoca Morsi aveva affermato di non essere evaso, ma che alcuni abitanti del luogo - una settantina di chilometri a nordest del Cairo - avevano aperto le porte della prigione liberando i detenuti.

La richiesta della magistratura egiziana di arrestare il deposto presidente Mohammed Morsi dimostra "la vendetta" e "il ritorno in forze" del vecchio regime di Hosni Mubarak: lo ha dichiarato un portavoce dei Fratelli Musulmani, Gehad el-Haddad.

SCONTRI - Scontri fra sostenitori ed oppositori del deposto presidente egiziano Mohammed Morsi sono scoppiati a Shubram, quartiere del Cairo dove si sono incontrati due cortei di manifestanti.

L'APPELLO DELL'ONU - Il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, ha rivolto un invito all'esercito egiziano affinché rilasci il presidente deposto Mohamed Morsi, leader dei Fratelli Musulmani, in carcere dal 3 luglio scorso.
Ban Ki-moon auspica che Morsi e i suoi alleati "vengano liberati o che i loro casi siano esaminati in modo trasparente e senza rinvii", ha dichiarato il portavoce, Eduardo del Buey.

EGITTO A UN PASSO DALLA GUERRA CIVILE

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mohammed Morsi accusato di cospirazione con Hamas

Today è in caricamento