Domenica, 26 Settembre 2021
RUSSIA / Russia

E' morto Mikhail Beketov, giornalista simbolo dell'impunità russa

Dopo aver criticato l'amministrazione locale di Khimki venne brutalmente picchiato e ha passato il resto della sua vita su una sedia a rotelle. I colpevoli non sono mai stati identificati

Il giornalista russo Mikhail Beketov, che era diventato un simbolo della cultura dell'impunità in Russia dopo essere stato brutalmente picchiato, nel 2008, è morto per insufficienza cardiaca lunedì.

Dopo che Beketov aveva chiesto le dimissioni del governo municipale della città di Khimki, dove viveva, la sua auto è stata fatta saltare in aria. Non solo: in seguito infatti venne  picchiato così duramente che ha trascorso il resto della sua vita su una sedia a rotelle, incapace di parlare. Ha dovuto subire l'amputazione di tre dita e di una gamba. La polizia ha a malapena fatto partire le indagini sulla vicenda, ignorando i testimoni che si sono presentati offrendo informazioni e video di sorveglianza che avrebbero potuto aiutare a identificare gli aggressori di Beketov di assalitori. Con il passare del tempo, Beketov era diventato un eroe per molti e il destinatario di numerosi premi giornalistici, tra cui uno concesso dallo Stato.

Yevgenia Chirikova, un'attivista ambientale di Khimki, ha detto che Beketov, che è morto a 55 anni, non si riprese mai dall'aggressione. "In sostanza, lo hanno ucciso allora", ha detto in un'intervista telefonica. "Stava morendo in tutti questi anni. Questo è tutto". Yelena Kostuchenko, giornalista e amica, ha detto al Comitato per la protezione dei giornalisti che Beketov sarebbe morto soffocato da pezzo di cibo a pranzo lunedi, probabilmente a causa delle cicatrici interne profonde che aveva da quando era stato aggredito.

Beketov ha usato i propri soldi per finanziare la pubblicazione di un giornale, la Khimkinskaya Pravda, che aveva una tiratura di circa 10.000 copie. Ha scritto spesso sarcasticamente sui progetti per la costruzione di una grande autostrada attraverso la foresta di Khimki, e della decisione di spostare un monumento ai militari uccisi nella seconda guerra mondiale. Nel maggio del 2007, qualcuno picchiò a morte il suo cane e bruciò la sua auto. Beketov ha sempre detto ai giornalisti che sospettava fosse stato il sindaco, Vladimir Strelchenko, ma il caso è stato chiuso poco dopo per mancanza di prove. Mesi dopo, il signor Beketov scriveva ancora: "La scorsa primavera, ho chiesto le dimissioni della leadership della città. Pochi giorni dopo, la mia automobile è stata fatta saltare in aria. Cosa mi capiterà ora?"

Prima di essere brutalmente aggredito, Beketov aveva avvertito l'attivista Chirikova che qualcosa gli sarebbe potuto succedere e le disse che la polizia avrebbe dovuto cercare i colpevoli "nell'amministrazione di Khimki." Ma gli investigatori alla fine hanno sospeso l'inchiesta per mancanza di prove. "Il fatto che la mente di questo crimine non sia mai stata punita si spiega con il fatto che non l'hanno voluta cercare", ha detto. "Sanno esattamente chi è stato".

Strelchenko, il sindaco, ha detto si non aver svolto alcun ruolo nell'aggressione e ha vinto una causa per calunnia contro Beketov nel 2010, quando il giornalista era in grado di parlare o camminare. Rimase sindaco di Khimki per quattro anni per poi lasciare l'incarico. Chirikova ha detto di non essere sicura che Beketov abbia mai capito che il sindaco avesse lasciato l'incarico.

Le autorità municipali di Khimki hanno annunciato che aiuteranno a organizzare i funerali di Mikhail Beketov. Lyudmila M. Alekseyeva, capo del Gruppo Helsinki di Mosca, ha salutato la "tenacia e l'eroismo con cui Beketov ha difeso la dignità e i diritti dei cittadini, nonostante le sue gravi condizioni fisiche." Fonte: New York Times

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

E' morto Mikhail Beketov, giornalista simbolo dell'impunità russa

Today è in caricamento