rotate-mobile
Martedì, 28 Maggio 2024
Le dichiarazioni / Russia

L'impressionante aumento di navi militari russe nel Mediterraneo

La segnalazione arriva direttamente dal Capo di Stato maggiore della Marina militare, Enrico Credendino, in audizione alla commissione Difesa della Camera: "Il rischio di incidente c'è"

L'aumento di navi militari russe nel Mediterraneo potrebbe diventare un problema, prima o poi. Basterebbe molto poco.

Marina militare: "Il rischio di incidente c'è"

"Gli effetti immediati sulla nostra sicurezza della guerra in Ucraina si sono riverberati ancora una volta sul mare e sono l'aumento impressionante dei numeri della flotta russa nel Mediterraneo e nel Mar Nero a un livello che non si vedeva nemmeno ai tempi della guerra fredda", ha detto il Capo di Stato maggiore della Marina militare, Enrico Credendino, in audizione alla commissione Difesa della Camera. "Il numero di navi russe nel Mediterraneo è aumentato, un numero alto che non è una minaccia diretta al territorio nazionale ma aumenta tantissimo la tensione - ha continuato Credendino - I russi hanno un atteggiamento aggressivo che non era usuale nel Mediterraneo e prima era evidente solo nel Baltico. Il rischio di incidente è possibile e quando c'è un incidente di questa natura non si sa mai dove si può andare a finire".

L'aumento di navi della flotta russa nel Mediterraneo viene definito "impressionante".  Da una piccola nave appoggio che era presente nel 2015 a Tartus "fino alle 15 navi e 3 sommergibili che c'erano nel Mediterraneo fino a qualche settimana fa. Non è una minaccia diretta al territorio nazionale, ma richiede una maggiore presenza di nostre navi. L'esigenza per noi alleati è di essere presenti con una flotta navale bilanciata", conclude il Capo di Stato maggiore.

"Il Mediterraneo è una zona molto turbolenta, con una competizione continua tra Stati rivieraschi per l'accesso alle risorse economiche e teatro di illeciti di varia natura, tra contrabbando e trafficanti di esseri umani. È necessario monitorarlo costantemente - dice sempre Credendino - C'è anche un problema di riarmo delle Nazioni della sponda sud del Mediterraneo in termini navali, come l'Algeria che compra navi da Italia, Francia e Germania ma i sommergibili dotati di missili Kaliber li ha comprati dalla Russia"

Incrociatori, fregate, cacciatorpedinieri. Non è una novità, le navi militari, anche quelle russe, circolano di continuo nel Mediterraneo. Solitamente i mezzi si fermano "alla fonda" nei tratti di mare dove è consentito l’ancoraggio. E sono sempre monitorate della Difesa italiana grazie ai più disparati sistemi di intelligence.

Quante sono le navi militari russe

C'è un dispositivo potente, noto, nella base navale dei russi a Tartus in Siria: si stima una presenza di due sommergibili e cinque navi di sostegno logistico. Un'altra unità logistica è a sud di Cipro. La Marina militare aveva stimato in tutto fino a una ventina di unità, nei mesi scorsi. Numeri certi è impossibile recuperarli.

Il costo della permanenza in mare delle navi militari è altissimo, le esigenze di carburante e non solo sono notevoli. Secondo quanto rilevato qualche tempo fa da uno speciale del Sole 24 Ore, i marinai in divisa di Mosca nelle acque del Mediterraneo si sono contraddistinti per la capacità spiccata di trovare i punti dove attraccare alla fonda. Zone al di fuori delle acque territoriali, dunque, non così numerose ma che consentono di fermarsi senza essere in navigazione continua. Ma c'è anche un altro tema più spinoso: la presenza di navi russe civili ufficialmente di tipo mercantile che potrebbero avere informalmente compiti ben più strategici.

Chi sta vincendo la guerra in Ucraina?

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'impressionante aumento di navi militari russe nel Mediterraneo

Today è in caricamento