Mercoledì, 28 Luglio 2021
Nepal / Nepal

Nepal, dramma senza fine: dopo il terremoto arriva il monsone

L'allarme di Save the Children a pochi giorni dall'inizio della stagione delle piogge: "Bisogna raggiungere e soccorrere centinaia di migliaia di sfollati, senzatetto, prima dell'impatto del monsone". Con i temporali, infatti, il rischio è un aumento delle malattie

Sfollati ai piedi dell'Himalaya (foto Infophoto)

NEPAL - Le ultime scosse di terremoto "hanno complicato ulteriormente le operazioni di soccorso e assistenza". L'ong Save the Children ha lanciato un ulteriore appello per "riuscire a raggiungere centinaia di migliaia di persone che potrebbero essere sorprese ancora senzatetto quando inizieranno le piogge monsoniche". "Questo potrebbe provocare una nuova crisi umanitaria con il rischio di un aumento delle malattie", avverte Delilah Borja, direttore di Save the Children in Nepal.

GLI AIUTI - Nonostante le nuove scosse, Save the Children, insieme alle altre organizzazioni presenti in Nepal, sta correndo contro il tempo nella distribuzione degli aiuti, per raggiungere le famiglie più a rischio, prima dell`arrivo della stagione dei monsoni. "Stiamo lavorando per fornire un rifugio temporaneo, cibo e acqua per le persone colpite dai terremoti, utilizzando anche elicotteri e asini per aggiungere le zone più impervie. Finora abbiamo raggiunto oltre 76.000 persone. Per poter continuare a sostenere i soccorsi e raggiungere le aree più lontane abbiamo bisogno di altri elicotteri".

I MONSONI - Il monsone indiano si origina in conseguenza del forte riscaldamento primaverile delle pianure e degli altopiani dell'Asia centro-meridionale, con la conseguente bassa pressione termica che inizia a richiamare, all'inizio dell'estate, masse d'aria umida e relativamente più fresca dall'Oceano Indiano. 

L'HIMALAYA - La parte della catena himalayana che riceve i maggiori apporti di piogge monsoniche è quindi quella tra Nepal orientale, regione di Darjeeling e Sikkim, direttamente esposta alle correnti umide, che riducono il loro contenuto di umidità man mano che penetrano, deviate dalle montagne, verso ovest/nordovest. 

LE PIOGGE -  Abbiamo quindi localmente oltre 3000 mm/anno nel settore più orientale del paese, 2000-3000 mm nella parte centrale e 1000-2000 mm nel settore a ovest. Ovunque la stagione piovosa va da giugno a settembre, con qualche strascico in ottobre. Il culmine è in luglio e agosto, quando quasi dappertutto si superano i 200 mm/mese e sui versanti esposti anche i 400. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nepal, dramma senza fine: dopo il terremoto arriva il monsone

Today è in caricamento