rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Stati Uniti / Stati Uniti d'America

Baby sitter uccide due bambini a coltellate nella vasca da bagno

L'efferato omicidio in un lussuoso appartamento di New York. A trovare i cadaveri di Leo e Lucia, 2 e 6 anni, la madre tornando a casa con la figlia di 3 anni. La tata ha tentato il suicido: "E' ferita gravemente ma non in pericolo di vita"

Orrore a New York. Due bambini di 2 e 6 anni, Leo e Lucia, sono stati uccisi a coltellate dalla loro baby sitter. A trovarli, nella vasca da bagno in un lago di sangue, la madre, Marina, di 38 anni. Per terra, con una ferita al collo e, vicino a lei, un coltello insanguinato, la baby sitter, una donna 50enne che da tempo lavorava per la famiglia Krim.

Tutto è avvenuto in un lussuoso condominio di Manhattan. Il padre dei tre bambini, general manager della Cnbc, era fuori città per lavoro. La madre, Marina, aveva accompagnato la loro terza bambina, di 3 anni, in piscina. A casa, con la baby sitter di fiducia, erano rimasti Leo e Lucia.

Tornata a casa, Marina ha notato le luci dell'appartamento stranamente spente: ha chiesto al portiere se i suoi bambini fossero usciti con la baby sitter, ma alla risposta negativa dell'uomo, si è insospettita.

"E' sbiancata" ha raccontato il portiere al New York Times "come se il suo sesto senso avesse già capito la gravità della situazione". Ha imboccato l'ascensore di corsa e, giunta in casa, ha trovato la baby sitter riversa sul pavimento in un lago di sangue: aveva tentato il suicidio

"Quindi ha corso per tutta casa" racconta il portiere che alle urla della donna ha raggiunto di corsa l'appartamento "finché, entrata in bagno, le urla strazianti della signora Krim hanno fatto piombare nel panico tutto il palazzo". 

Nella vasca, l'orrore: Leo e Lucia, 2 e 6 anni, senza vita.  

Paul Browne, portavoce del New York Police Department, ha detto che sul corpo dei bambini uccisi ieri pomeriggio sono state riscontrate "numerose ferite da taglio". Quando gli agenti sono arrivati nell'appartamento del delitto la baby sitter, invece, era ancora viva ed è stata subito portata all'ospedale più vicino, in stato di arresto. E' grave ma le sue condizioni sono stabili.

All'oscuro di tutto, Kevin Krim è atterrato all'aeroporto JFK nel tardo pomeriggio. Lì, anziché sua moglie - come spesso avveniva - ha trovato ad accoglierlo due agenti della polizia che gli hanno comunicato la tragica notizia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Baby sitter uccide due bambini a coltellate nella vasca da bagno

Today è in caricamento