rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Mondo

Sopravvissuta a Hiroshima ritira il premio Nobel per la pace

Setsuko Thurlow ha ricevuto il premio a nome della Ong Ican insieme alla direttrice dell’organizzazione, Beatrice Fihn

Il premio Nobel per la pace 2017 è stato consegnato oggi a Setsuko Thurlow, una donna sopravvissuta alla bomba atomica di Hiroshima, che ha ritirato il premio a nome della Ong Ican, International Campaign to Abolish Nuclear Weapons (Ican), insieme alla direttrice dell’organizzazione, Beatrice Fihn

L’Ican “riceve il premio per il suo lavoro finalizzato a portare l’attenzione sulle catasfrofiche conseguenze di qualsiasi uso delle armi atomiche e per i suoi sforzi fondamentali per giungere a un trattato che proibisca tali armi”, aveva scritto a ottobre il presidente del comitato del Nobel norvegese Berit Reiss-Andersen nelle motivazioni dell’assegnazione del premio alla Ong.

La storia di Setsuko

Setsuko Thurlow aveva 13 anni ed era solo a un chilometro e mezzo dall’epicentro dell’esplosione, quando gli Stati Uniti sganciarono la prima bomba atomica della storia sulla città giapponese nel 1945. Oltre 62 anni dopo quell’orribile esperienza, la donna ha preso in consegna il premio Nobel per la Pace per conto del vincitore di quest’anno, la Campagna internazionale per l’abolizione delle armi nucleari (Ican), un’organizzazione nella quale ha avuto un ruolo importante.

“Ricordo quella luce bianca con sfumature blu. Il mio corpo fu scagliato in aria, ricordo la sensazione di galleggiare”, aveva raccontato ad ottobre, in occasione dell’annuncio della vittoria di Ican, all’agenzia di stampa France Presse. Thurlow si trovò tra le macerie di un palazzo, assieme a decine di altre persone. Uno straniero la tirò fuori. “La città che vidi è sostanzialmente indescrivibile”, ha raccontato.

Erano le 8.15, il sole era alto da circa due ore. Eppure il buio coprì le rovine. “Fu come se il mattino si fosse trasformato in notte”, ha ricordato. “La polvere e le particelle del fungo atomico impedivano ai raggi del sole di attraversarle”. C’era un’innaturale quiete. “Nessuno urlava, nessuno correva. I sopravvissuti non avevano la forza fisica o psicologica. Tutto quel che potevano fare era emettere un debole sussurro, implorare per l’acqua”. Thurlow ha raccontato di essersi guardata attorno e di aver visto migliaia di persone “pesantemente ustionate e gonfie. Non sembravano più umani. Quell’immagine si è impressa nella mia retina”.

Almeno 140mila persone morirono nell’esplosione atomica del 6 agosto 1945. Altre 80mila perirono a Nagasaki, tre giorni dopo, per la seconda bomba. “Ero una studentessa di 13 anni, ho visto la mia città distrutta. Era diventata una città di morte”, ha raccontati Setsuko Thurlow. Thurlow vive in Canada. A 85 anni racconta la sua storia con chiarezza e tutte le volte che glielo si chiede: vuole portare l’attenzione sugli orrori della guerra nucleare, in un momento in cui le minacce di utilizzare queste armi orribili sono all’ordine del giorno.

Dal lancio dell’iniziativa Ican, nel 2007, ne è una figura di prima grandezza e ha avuto un ruolo chiave nelle negoziazioni Onu che hanno portato a luglio al trattato per mettere fuori legge le armi nucleari. “Io richiamo questi dolorosi ricordi in modo che la gente che non ha mai avuto questa esperienza di devastazione possa comprendere”, ha spiegato. “E’ difficilissimo – ha continuato – per molte persone capire, ma è estremamente importante che usiamo la nostra capacità per immaginare (gli orrori) e assieme possiamo impedire che accada di nuovo”.

La battaglia è impari. Le armi nucleari, dopo la fine della Seconda guerra mondiale, sono arrivate a circa 15mila, anche se gli arsenali sono calati dal loro picco di metà anni ’80. Sono però aumentati i Paesi dotati di questi strumenti di morte. “Il mondo – ha lamentato – è un posto molto più pericoloso ora”. La condanna di questa 85enne che non si arrende va sia al presidente Usa Donald Trump sia al leader nordcoreano Kim Jong Un, che stanno provocando un allarme globale con la loro guerra retorica. Ma anche il canadese Justin Trudeau, un Primo ministro progressista, viene accusato da Thurlow per non aver firmato il Trattato per la proibizione delle armi nucleari perché, come ha detto un portavoce del governo di Ottawa, “il progresso sul disarmo nucleare e sulla non proliferazione deve coinvolgere Stati con armi nucleari”, e il Canada non ne ha.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sopravvissuta a Hiroshima ritira il premio Nobel per la pace

Today è in caricamento