Sabato, 31 Luglio 2021
Mondo Corea del Nord

Corea del Nord, lanciato nuovo missile balistico: "È più pericoloso dei precedenti"

La "tregua" è durata solo due settimane. Sale di nuovo altissima la tensione nella penisola, la Corea del Nord ha lanciato un missile verso il Mar del Giappone. Sia il tempo di volo sia l'inusuale altitudine di 1.000 chilometri raggiunta dal missile potrebbero far ipotizzare un salto di qualità da parte di Pyongyang

Ansa

La "tregua" è durata solo due settimane. Sale di nuovo altissima la tensione nella penisola coreana. La Corea del Nord ha lanciato un missile verso il Mar del Giappone: sarebbe "più pericoloso dei precedenti" secondo gli analisti. Il test viene eseguito mentre in Cina si apre il meeting con cento nazioni e dopo l'apertura sulla possibile trattativa con Trump. Il lancio ha raggiunto il mar del Giappone percorrendo settecento chilometri. 

L'ANNUNCIO - "La Corea del Nord ha lanciato un missile balistico non meglio identificato intorno alle 5.27 di oggi da un'area nelle vicinanze di Kusong, nella provincia di Pyongan", dice un annuncio dello stato maggiore sudcoreano. Il missile avrebbe volato per settecento chilometri e 30 minuti circa prima di finire nel Mar del Giappone, tra le proteste di Tokyo. I capi di stato maggiore delle forze armate sudcoreane per primi hanno confermato il lancio, precisando che e' avvenuto nei pressi di Kusong City, nella provincia di North Pyongan, gia' teatro di un altro test balistico di medio raggio lo scorso 12 febbraio. Sia il tempo di volo sia l'inusuale altitudine di 1.000 chilometri raggiunta dal missile potrebbero far ipotizzare un salto di qualita' da parte di Pyongyang.

L'APERTURA - La Corea del Nord solo ieri aveva dimostrato la volontà di aprire a trattative, dicendosi "pronta ad avere colloqui con l'amministrazione americana di Donald Trump ma solo alle giuste condizioni". Sono parole del direttore dell'ufficio America del Nord del ministero degli Esteri di Pyongyang, Choe Son-Hui, atterrata a Pechino al rientro da un viaggio a Oslo, dove ha incontrato accademici americani ed ex funzionari Usa. Secondo l'agenzia di stampa sudcoreana Yonhap, Choe ha incontrato a Oslo l'ex inviato Usa all'Onu, Thomas Pickering, e l'ex consigliere speciale del Dipartimento di Stato per la non proliferazione e il controllo delle armi, Robert Einhorn. Alla domanda se il regime di Pyongyang sia pronto a incontrare il nuovo presidente sudcoreano, Moon Jae-In, eletto questa settimana e favorevole a un dialogo con la Corea del Nord, la diplomatica ha risposto: "Vedremo".

TRUMP - Il presidente americano Donald Trump ha definito il nuovo test missilistico della Corea del Nord "l'ultima provocazione" che "ci induce a chiedere a tutte le nazioni di introdurre sanzioni ancora più dure contro la Corea del Nord". Lo ha reso noto la Casa Bianca in una nota.

CINA E RUSSIA PREOCCUPATE -  Il presidente russo Vladimir Putin e quello cinese Xi Jinping hanno espresso la loro preoccupazione per l'aumento della tensione nella penisola coreana dopo il nuovo test missilistico di Pyongyang. A un incontro a margine del forum internazionale di Pechino, Putin e Xi "hanno discusso della situazione nella penisola coreana nel dettaglio" e "entrambi hanno espresso preoccupazione per l'aumento della tensione", ha spiegato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ai giornalisti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corea del Nord, lanciato nuovo missile balistico: "È più pericoloso dei precedenti"

Today è in caricamento